domenica, Gennaio 29, 2023
HomeEconomiaBankitalia, timidi segnali di crescita: +0,6% nel 2023

Bankitalia, timidi segnali di crescita: +0,6% nel 2023

Rallentamento rispetto al +3,9% stimato nel 2022. Timidi segnali anche per il Pil con 0,6% di crescita per quest’anno e 1,2% per il 2024.

Bankitalia, timidi segnali di crescita: +0,6% nel 2023

La Banca d’Italia ha nuovamente ritoccato al rialzo le sue previsioni di crescita economica della Penisola sull’insieme di quest’anno, per cui ora prevede un più 0,6% del Pil, mentre ha confermato la stima di un più 1,2% sia sul 2024, sia sul 2025.

RALLENTAMENTO RISPETTO ALLE PREVISIONI DEL 2022

Le cifre sono contenute nel Bollettino economico e segnano comunque un netto rallentamento dell’espansione rispetto al più 3,9% stimato sul 2022.

Nel Bollettino economico dello scorso ottobre Bankitalia prevedeva una crescita del Pil dello 0,3% quest`anno e dell`1,4% il prossimo, a metà dicembre aveva effettuato una prima revisione al più 0,4% sul 2023 e all’1,2% su 2024 e 2025.

PESA L’INCERTEZZA DELLA GUERRA IN UCRAINA SUL PIL NAZIONALE

Bankitalia, poi, ribadisce la persistenza di rischi l’elevata incertezza, dovuta innanzitutto agli sviluppi della guerra in Ucraina. E “in uno scenario in cui si ipotizza la sospensione permanente delle forniture di materie prime energetiche dalla Russia all`Europa, il prodotto si contrarrebbe nel 2023 e nel 2024 – avverte – e crescerebbe moderatamente nell`anno successivo. L`inflazione salirebbe ulteriormente quest`anno, per poi scendere decisamente nel prossimo biennio”.

Per l’inflazione, salita quasi al 9 per cento nello scorso anno, Bankitalia prevede che resti elevata, con una moderazione al 6,5 nel 2023 – il dato è stato rivisto al ribasso rispetto alla stima del 7,3% dell’aggiornamento di metà dicembre – e poi un rallentamento “più marcato in seguito”, al 2,6% nel 2024 e al 2% nel 2025.

Skip to content