martedì, Maggio 21, 2024
HomeAttualitàBerlusconi a Napoli, tra momenti gourmet e "vecchia" politica

Berlusconi a Napoli, tra momenti gourmet e “vecchia” politica

Prima a pranzo in un noto ristorante di Marechiaro, poi a cena in una
altrettanto famosa pizzeria del lungomare. In mezzo, la convention
politica che serviva a riorganizzare le truppe elettorali in vista delle
politiche dell’anno prossimo.

Nell’attesa delle politiche però, il banco di prova scelto da
Silvio Berlusconi per serrare le fila di forza Italia e ricordare agli altri
leader della coalizione che senza di lui il centro destra non va da nessuna
parte, sono le amministrative che si svolgeranno a Giugno in diversi
comuni italiani.

Assente lo chef Cannavacciuolo, dato alla vigilia tra gli
ospiti della convention napoletana, tra i primi a palesarsi nella sala
conferenze della mostra d’oltremare è stato l’attore Ron Moss, il Ridge di
Beautiful. Che il copione della manifestazione fosse un po’ stantio però, ci
ha pensato soprattutto Silvio Berlusconi a ricordarlo alla sua platea.

Il recupero dello spirito del 1994, la lotta ai comunisti, nel frattempo spariti
anche dai simboli dei partiti, la riforma della magistratura che rispetto a 28
anni ha perduto anche il suo appeal nei confronti della pubblica opinione.

Il tono più da amarcord che da ultimi giorni dell’impero, Silvio Berlusconi
lo ha toccato ricordando al pubblico in sala che è stato lui a risolvere
l’emergenza spazzatura in Campania e che fu il suo Governo a realizzare
l’unico impianto del ciclo integrato dei rifiuti presente sul territorio, il
termovalorizzatore di Acerra.

Insomma, più che un esercizio di rinnovo del
potere all’interno di Forza Italia è sembrato un passaggio di consegne. Il
leader è apparso a tutti stanco e fiaccato dal tempo e in cerca di qualcuno
in grado di poter tirare le redini del partito. Nel frattempo s’inganna il
tempo con una pizza serale sul lungomare, per riprendersi dalle fatiche
elettorali.

Skip to content