venerdì, Febbraio 3, 2023
HomeAttualitàCommercialisti, stop alle speculazioni con tasse su transazioni finanziarie

Commercialisti, stop alle speculazioni con tasse su transazioni finanziarie


“La tassazione delle transazioni finanziarie viene utilizzata per regolamentare e razionalizzare i mercati, cercando di porre un freno all’eccesso di speculazioni che è tra le cause principali della crisi globale. L’enorme volume delle attività finanziarie speculative ha determinato infatti il fallimento dell’economia reale, creando effetti distorsivi”. Lo ha detto Salvatore Tramontano, presidente della Fondazione dell’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Napoli, presentando la dodicesima edizione di Spring in Naples, il forum di fiscalità internazionale, che si è tenuto nella Sala Posillipo dell’Hotel Excelsior di Napoli.
Il forum avrà come tema “Fisco e Governance dei mercati finanziari” ed è organizzato dall’Odcec partenopeo, dalla Fondazione Commercialisti e dai dipartimenti di Giurisprudenza dell’Università Federico II e della Seconda Università di Napoli.
“In ambito europeo – ha evidenziato il presidente dell’Ordine di Napoli Vincenzo Moretta – la crisi ha indotto alcuni Stati a introdurre strumenti di tassazione sulle attività degli istituti finanziari e dei manager e diversi tipi di financial transaction tax, volti a limitare l’attività puramente speculativa. In Italia c’è la Tobin Tax, ma la frammentazione dei sistemi di tassazione dei capitali sicuramente genera delocalizzazione e doppia imposizione, determinando una distorsione, in quanto alterazione del mercato interno UE”.
Il convegno è stato aperto da Giuseppe Corasaniti, professore dell’Università di Brescia; Vincenzo Moretta, Salvatore Tramontano, Emmanuele Carandente, consigliere Odcec Napoli.
Alla prima tavola rotonda hanno preso parte Simone Alvaro (Consob) e i professori Augusto Fantozzi (Università telematica Giustino Fortunato), Luigi Arturo Bianchi (Bocconi), Astolfo Di Amato (Federico II di Napoli), Giuseppe Marino (Università di Milano), Fabrizio Amatucci (Seconda Università di Napoli), David Rosenbloom (New York University School of Law).
Nella seconda sessione di lavori gli interventi di Salvatore Tramontano, Achille Gennarelli (JP Morgan), i docenti Claudio Sacchetto (Università di Torino), Pasquale Pistone (Vienna), Paolo Bernasconi (San Gallo).

Skip to content