sabato, Aprile 20, 2024
HomeCronacaRogo Venere degli Stracci, dimezzata la pena a Simone Isaia

Rogo Venere degli Stracci, dimezzata la pena a Simone Isaia

Da 4 anni a 2 anni mezzo per danneggiamento seguito da incendio. Accolti gli appelli del Vescovo Battaglia e del garante Ciambriello

E’ stata dimezzata da 4 a 2 anni e sei mesi la pena per Simone Isaia, colpevole di aver dato fuoco alla Venere degli Stracci in piazza Municipio a Napoli. Il reato è stato riqualificato da incendio doloso a danneggiamento a seguito di incendio. La Corte d’Appello di Napoli ha dunque accolto le tesi della difesa e risposto, indirettamente, agli appelli dell’Arcivescovo di Napoli, don Mimmo Battaglia e del garante dei Detenuti, Samuele Ciambriello.

ACCOLTA LA TESI DELLA DIFESA

Simone Isaia, difeso dall’avvocato Giovanni Belcastro, era stato condannato in primo grado a 4 anni di carcere e a una multa da 4mila euro. L’opera di Michelangelo Pistoletto andò distrutta all’alba del 12 luglio 2023 in piazza Municipio, a Napoli, e a incastrare il senza fissa dimora Isaia furono le indagini della squadra mobile coordinata dai magistrati del gruppo beni culturali. Il giudice si è invece riservato la decisione sugli arresti domiciliari per Isaia in una struttura gestita da don Franco Esposito, direttore dell’ufficio diocesano di Pastorale Carceraria, che da cinque anni ha aperto una casa di accoglienza per detenuti ai domiciliari. L’arcivescovo di Napoli, Mimmo Battaglia, aveva rivolto una lettera al giudice di appello per ricordare le condizioni di Simone Isaia, “anzitutto una persona in difficoltà, fortemente fragile, vissuto per diverso tempo in condizioni di marginalità sociale”.

Skip to content