mercoledì, Maggio 29, 2024
HomeEconomia"Sorella economia", il profilo economico dell'enciclica "Fratelli tutti"

“Sorella economia”, il profilo economico dell’enciclica “Fratelli tutti”

“Il bene comune non è la sommatoria di interessi singoli, questo modello economico sta diventando insostenibile, c’è un apparato finanziario che non solo sta stremando l’ecosistema mondiale, ma toglie vita e respiro”: a dirlo è stata una delle più alte istituzioni vaticane in materia di Economia e Finanza, il presidente dell’Apsa – Amministrazione del Patrimonio della Santa sede monsignor Nunzio Galantino, alla conferenza ‘Sorella Economia’ organizzata presso la Biblioteca del Senato dall’Ente nazionale per il Microcredito presieduto da Mario Baccini.

E proprio il Microcredito e la Microfinanza sono stati citati da Papa Francesco, nella sua ultima enciclica – Fratelli tutti – come esperienze da valorizzare per un’economia allo stesso tempo solidale e sostenibile.

“L’ente Nazionale per il Microcredito si pone come interlocutore primario ed interprete delle necessità dei non “bancabili ” che possano trasformare la propria condizione e diventare imprenditori attraverso l’educazione finanziaria e il sostegno dello Stato che ne garantisce l’accesso al credito”, ha spiegato Mario Baccini, che è stato da poco a Napoli per presentare un nuovo protocollo di intesa finalizzato alla promozione sul territorio di progetti di microcredito, destinati a Pmi e liberi professionisti, e progetti di microcredito sociale destinati a singoli e famiglie.

L’importanza di una nuova finanza, attenta al bene comune, è quanto mai evidente proprio nei nostri territori, dove la crisi legata alla pandemia sta catalizzando il ricorso all’usura: sono infatti oltre 42 mila, secondo le analisi di Confesercenti, le piccole attività del commercio, dell’artigianato, dell’industria e dei servizi che, pur di non fallire, potrebbero essere costrette a ricorrere a finanziamenti illegali e, dopo i rincari degli ultimi giorni, in diversi quartieri di Napoli, dal centro alla periferia si rischia il ricorso all’usura perfino per pagare le bollette oltre che per le rate del mutuo o di un elettrodomestico.

Skip to content