mercoledì, Maggio 22, 2024
HomeCronacaCarceri, a Secondigliano il sottosegretario Ostellari: "No a indulto"

Carceri, a Secondigliano il sottosegretario Ostellari: “No a indulto”

Nessun decreto svuota carceri, né tantomeno indulto o amnistie. Per il sovraffollamento delle carceri italiane, il Governo Meloni pensa a una riforma

Nessun decreto svuota carceri, né tantomeno indulto o amnistie. Per il sovraffollamento delle carceri italiane, il Governo Meloni pensa a una riforma che vada in controtendenza con le politiche degli ultimi anni, ma che sia in linea con i principi costituzionali che prevedono per la pena un fine rieducativo che al momento in Italia è assente.

IL GOVERNO PENSA ALLA FORMAZIONE DEI DETENUTI

A tracciare la strada è il sottosegretario alla Giustizia con delega al trattamento dei detenuti e alla giustizia minorile, Andrea Ostellari, questa mattina nelle carceri di Nisida e Secondigliano per una visita organizzata nell’ambito di un tour nelle strutture detentive del Paese

IL SOPRALLUOGO DEL SOTTOSEGRETARIO NEL CARCERE DOVE E’ DETENUTO VALDA

A Napoli il sottosegretario ha quindi scelto Secondigliano, carcere dove è finito dopo la convalida del fermo Francesco Pio Valda il presunto killer dello chalet di Mergellina in cui ha perso la vita Francesco Pio Maimone. Dopo la tragedia, non poche le polemiche scatenate dal fatto che Valda fosse stato affidato a un periodo di messa in prova in alternativa al carcere, dopo un arresto per spaccio. Sul dibattito scaturito è intervenuto Ostellari Intervista

Skip to content