sabato, Gennaio 28, 2023
HomeAttualitàCovid: nessuna regione ad alto rischio. In calo le terapie intensive

Covid: nessuna regione ad alto rischio. In calo le terapie intensive

Sotto la soglia critica anche l’indice Rt. Il valore medio sui casi sintomatici si attesa a 0,89% e in diminuzione rispetto a 7 giorni fa.

Covid: nessuna regione ad alto rischio. In calo l’occupazione terapie intensive

Nessuna Regione è classificata a rischio alto ai sensi del DM del 30 aprile 2020; 4 sono a rischio moderato (erano 7 una settimana fa) e 17 classificate a rischio basso (erano 14).

Lo rileva il monitoraggio settimanale sull’andamento del Covid in Italia di ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità.

Nove, invece, le Regioni che riportano almeno una allerta di resilienza.

L’INDICE RT A 0,89 E INCALO RISPETTO ALLA SETTIMANA SCORSA

Inoltre, nel periodo 28 dicembre 2022-10 gennaio 2023, l`Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,89 (range 0,74-1,06), in diminuzione rispetto alla settimana precedente (era a 0,91) e sotto la soglia epidemica. È quanto emerge dal monitoraggio settimanale sull’andamento del Covid in Italia di Ministero della Salute e Istituto superiore di sanità.

L’indice di trasmissibilità basato sui casi con ricovero ospedaliero è in diminuzione e rimane sotto la soglia epidemica.

IN DISCESA ANCHE L’OCCUPAZIONE DELLE TERAPIE INTENSIVE

Sempre secondo il monitoraggio settimanale sull’andamento del Covid in Italia di ministero della Salute e Istituto superiore di sanità, il tasso di occupazione in terapia intensiva è in calo al 2,3% (rilevazione giornaliera ministero della Salute al 19 gennaio) contro il 3,1% del 12 gennaio scorso. Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale scende al 7,9% (rilevazione giornaliera al 19 gennaio) contro il 10,1% del 12 gennaio.

Skip to content