mercoledì, Luglio 24, 2024
HomeCronacaEmergenza crolli a Torre del Greco, continuano le evacuazioni

Emergenza crolli a Torre del Greco, continuano le evacuazioni

Ancora palazzi evacuati nella città corallina, dove lo scorso 16 luglio si è verificato il crollo di uno stabile a tre piani

Emergenza crolli a Torre del Greco. Ancora palazzi evacuati nella città corallina, dove lo scorso 16 luglio si è verificato il crollo di uno stabile a tre piani nella zona di corso Umberto I, per pura casualità senza vittime ma con tre persone rimaste ferite. Ieri pomeriggio i vigili del fuoco e il personale dell’ufficio tecnico del Comune sono stati chiamati ad intervenire per verificare le condizioni di un immobile a due piani posto a vico del Pozzo, non distante dalla zona dove si è verificato il cedimento avvenuto meno di un mese fa. Alla fine i tecnici hanno ordinato l’evacuazione non solo della palazzina interessata da profonde crepe ma, per i pericoli connessi, anche altre due strutture residenziali poste nelle vicinanze, per un totale che supera complessivamente le venti famiglie e le sessanta persone sgomberate.

DISSESTI STATICI IN UN’AREA MOLTO POPOLOSA DELLA CITTA’

Per il Comune si tratta di una vera emergenza, dopo il crollo di corso Umberto I, aggravata dai dissesti registrati successivamente a vico Annunziata e via del Corallo e che oggi fa segnare oltre 400 persone rimaste senza le loro abitazioni a causa di vari dissesti statici. Lo sgombero di ieri segue di poco meno di una settimana quello di una palazzina di sei piani in via del Corallo, nel centro cittadino. Evacuazione scattata dopo la segnalazione di un residente che aveva notato alcune fessure presenti sulle pareti: dopo i controlli del caso, è stata presa la decisione di allontanare a scopo precauzionale tutti i residenti, un totale di 21 famiglie e oltre sessanta persone. In quella circostanza è stato disposto anche il transennamento della zona di accesso all’immobile.

L’ALTRO PRECEDENTE

Il 21 luglio, cinque giorni dopo il crollo, altre due famiglie e la titolare di un negozio erano stati costretti a lasciare le abitazioni a scopo precauzionale da un altro edificio in corso Avezzana, a causa di crepe provocate lavori in una struttura vicina. Se non è emergenza questa

Skip to content