mercoledì, Febbraio 21, 2024
HomeCronacaGiornalismo, consegnati i premi "Francesco Landolfo"

Giornalismo, consegnati i premi “Francesco Landolfo”

Con un minuto di silenzio per Giulia Cecchettin e le donne vittime di violenza si è tenuta la cerimonia di consegna della dodicesima edizione

Con un minuto di silenzio per Giulia Cecchettin e le donne vittime di violenza si è tenuta la cerimonia di consegna della dodicesima edizione del premio di giornalismo Francesco Landolfo, indetto dal quotidiano “Roma”, dall’Ordine dei Giornalisti della Campania, dal Sindacato Unitario Giornalisti della Campania e dall’Arga Campania con il patrocinio dell’Ordine nazionale dei Giornalisti e della Fnsi.

INTERVENUTI I VERTICI DI ODG, FNSI, SUGC E ARGA

Con i premiati e la giuria sono intervenuti il presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, Carlo Bartoli; il presidente della Federazione Nazionale della Stampa, Vittorio Di Trapani; il direttore de “Il Mattino”, Francesco De Core, Claudio Silvestri, presidente del Sindacato Unitario Giornalisti Campania e Geppina Landolfo, presidente Arga Campania

I PREMIATI PER LE CATEGORIE CARTA STAMPATA/TV/WEB

I vincitori per la carta stampata (ex aequo): “Stanislao e la batteria con l’acqua di mare” di Paola Cacace (Corriere Extra); “Tra rovine e abbandono non è più il Miglio d’oro” di Francesca Mari (Il Mattino) Per la radio-televisione (ex aequo): “La Lista Rossa. Storie di animali a rischio estinzione e di persone che lottano per salvarli” di Francesca Bellino (RaiRadio1); “Cilento a vela, tra paesaggi mozzafiato e prodotti a chilometro zero” di Paolo Picone (Tg I-Talicom). Per il web (ex aequo): “L’orso e la montagna” di Marco Martone (Ilgolfo24.it); “Isca, il recupero archeologico dell’isola che fu di Eduardo De Filippo” di Claudia Procentese (Fanpage.it). Targa Gianpaolo Necco a “Emergenza clima. I casi Campania e Sicilia” di Emanuele Imperiali (Corriere del Mezzogiorno). Menzioni speciali a “Il cuore della penisola stuprato da Boxlandia” di Salvatore Dare (Metropolis); “Così la Terra dei Fuochi ridiventa fertile: la chimera verde della masseria Ferraioli strappata alla camorra” di Michela A. G. Iaccarino (IlFattoQuotidiano.it)

Skip to content