giovedì, Maggio 30, 2024
HomeCulturaI "femminielli" tornano a Montevergine, canti e balli per la Candelora

I “femminielli” tornano a Montevergine, canti e balli per la Candelora

I “femminielli” tornano a Montevergine, canti e balli per la Candelora

Dopo due anni di stop imposto dalla pandemia, torna a radunarsi sul monte Partenio la comunità Lgbt campana per la Festa della Candelora. La tradizionale “iuta dei femminielli”, la salita dei femminelli a Montevergine, un pellegrinaggio sospeso tra religiosità e paganesimo che si rinnova da più di otto secoli. La tradizione affonda le sue radici nella seconda metà del tredicesimo secolo.

COLEI CHE TUTTO CONCEDE E TUTTO PERDONA

Secondo la leggenda nel 1256, a causa di uno scandalo, due amanti omosessuali furono banditi dal paese, legati a un albero sulla montagna e condannati a morire di stenti. La Madonna Bruna, la Mamma Schiavona ebbe pietà di loro e li salvò scaldandoli con la sua luce. Nel periodo pre pandemia il numero dei partecipanti al pellegrinaggio cresceva anno dopo anno. Poi lo stop e oggi il ritorno a Montevergine.

DA NAPOLI IL PULLMAN DELL’ASSOCIAZIONE TRANSESSUALE NAPOLI

Tra i gruppi della comunità lgbt più attivi nell’organizzazione del pellegrinaggio l’Associazione Transessuali Napoli, partita in pullman da Napoli per raggiungere il santuario circondato dalla neve e dare vita a canti e balli popolari in onore della mamma schiavona, colei che tutto concede e tutto perdona. Per la vice presidente dell’Associazione transessuale di Napoli, Loredana Rossi, che ha accolto sul sagrato l’ex parlamentare Vladimir Luxuria, anche un momento per invocare la pace

Skip to content