giovedì, Febbraio 9, 2023
HomeEconomiaLa Bcc Napoli approva il bilancio con utile netto di 1,8 milioni...

La Bcc Napoli approva il bilancio con utile netto di 1,8 milioni di euro

Il Consiglio di Amministrazione della Banca di Credito Cooperativo di Napoli ha approvato il Bilancio al 31/12/2021, documento contabile che evidenzia numeri molto lusinghieri in tutti i comparti e che portano ad un utile netto di esercizio di circa 1,8 milioni di euro.
La Raccolta Diretta (depositi clientela) raggiunge i 226milioni di euro con un incremento del 13% rispetto all’esercizio precedente, mentre la Raccolta Complessiva i 265milioni di euro con incremento del 20%.
Ottima la “performance” sugli Impieghi (prestiti alla clientela) che a loro volta atterrano a 134 milioni di euro con un sensibile incremento del 23% rispetto all’anno 2020, dato che raggiunge i 376milioni di euro erogati sul territorio di Napoli e provincia se si considerano gli Impieghi (prestiti) ulteriori effettuati tramite le società del perimetro diretto Iccrea (mutui corporate, leasing, factoring, credito al consumo) concessi ad imprese e privati.
Molto positivo il conto economico che esprime numeri con incrementi a due cifre sia per il Margine di Interessi (+ 44 %) che per il Margine di Servizi (+17%) e con un utile di esercizio lordo di euro 1,978 milioni (+10%) e di euro 1,783milioni quale Utile di esercizio netto (+18%).
Tutti positivi i parametri qualitativi quali il MOL (Margine Operativo Lordo) pari al 15%, il Cet1 (Coefficiente di adeguatezza patrimoniale) che raggiunge il 36% grazie ad un Patrimonio Netto che vanta un incremento dell’ 8,30%, il Cost/income(indicatore di redditività) pari al 60,15 %, ed un livello di Sofferenze Nette (crediti nei confronti clientela insolvente) pari allo 0,15 %(tra i più bassi d’Italia), a testimonianza della qualità del credito erogato in questi anni, conseguente ad una copertura delle Sofferenze al 91%, ed una copertura dei Crediti Deteriorati del 76,70%.
“Approvare in un anno difficile quale il 2021 – ha affermato il presidente della Bcc di Napoli, Amedeo Manzo -, nel quale il paese è stato ulteriormente colpito dalla pandemia, un bilancio di esercizio con tali espressioni di qualità e di incremento quantitativo è più di una soddisfazione. Soprattutto perché realizzato con forti accantonamenti imposti dalla normativa europea e coniugando principi di efficienza assieme a valori umani e aziendali che trovano le radici nella Carta di Valori che solo le Bcc conservano in Italia. Un livello di sofferenze nette pressoché nullo dimostra, altresi, che il “Rating Umano” è molto più di una metodologia creditizia di successo. Essa è una filosofia di vita, che sa giocare a tutto campo, stendendo la mano verso chi lo merita, a prescindere dalla condizione, e sa dire di no a chi invece è lontano dalle filosofie di correttezza e legalità, in sintesi consentendo di finanziare solo chi è meritevole. Ci affacciamo ad un’epoca economica dove la Banca di Comunità esprime, a mio avviso, un valore insostituibile. Nella quale l’importanza dei sempre più sofisticati prodotti finanziari deve essere inevitabilmente accompagnata dall’ascolto e dalla centralità della persona. Non possiamo pensare di valutare la gente esclusivamente in base agli algoritmi o freddamente per il saldo del proprio conto corrente.
Occorre coniugare tradizionali e nuove metodologie bancarie dove il rapporto umano resta sovrano nella guida dei processi. Napoli, ancora una volta, esprime valore, indica la strada e stabilisce il “terzo tempo” sia professionale che umano. Un tempo dove il profitto deve essere funzionale, e mai alternativo, al bene comune, al miglioramento del territorio, al raggiungimento di quella “democrazia di opportunità “di cui al Mezzogiorno abbiamo estremo bisogno. I napoletani hanno introdotto e seguito la strada della “coerenza creditizia”, indirizzando i propri risparmi laddove essi vengono gestiti e poi generano quella ricchezza importante per la nostra Comunità. Hanno voluto chiedere sostegno, per le proprie imprese e le proprie famiglie, a chi ha saputo stargli sempre vicino mentre, nel 2020, tutto sembrava perduto e molti “abbandonavano la nave chiamata Napoli”: qui la “riconoscenza” ha un valore. Abbiamo avuto coraggio certo, ma anche visione e ciò ci ha dato ragione. Questo ci carica di responsabilità e ci riempie di orgoglio allo stesso tempo,pertanto nel 2022 sosterremo ancora di più le piccolissime, piccole e medie imprese, le start up ma soprattutto le famiglie ed i giovani per i quali dobbiamo far di tutto per esprimerne il valore e contribuire alla realizzazione dei loro sogni. Cerchiamo di dimostrare, ogni giorno, che si può sostenere chi ha bisogno e fare in modo di essere efficienti anche e soprattutto a Napoli: ciò si può denominare “efficacia bancaria”. Questo per me, e per i miei ragazzi, non è piu un “ruolo” bensì una sfida di vita: significa fare il banchiere a Napoli, contribuendo nel mio piccolo al riscatto della città”.

Skip to content