domenica, Giugno 23, 2024
HomeCronacaIl Covid che non c’è più, mortalità in calo del 36 per...

Il Covid che non c’è più, mortalità in calo del 36 per cento

Secondo il monitoraggio indipendente della fondazione Gimbe negli ultimi sette giorni scendono anche ricoveri ordinari e terapie intensive.

Il Covid che non c’è più, mortalità in calo del 36 per cento

Secondo il monitoraggio indipendente della Fondazione GIMBE –  nella settimana 3-9 febbraio 2023 –  rispetto alla precedente, si rileva una diminuzione di nuovi casi (30.901 vs 34.377) Covid e una diminuzione dei decessi (279 vs 439).

In discesa anche i casi attualmente positivi (196.058 vs 227.985). Ma anche le persone in isolamento domiciliare (192.436 vs 224.094), i ricoveri con sintomi (3.459 vs 3.712) e le terapie intensive (163 vs 179).

IN CALO ANCHE GLI ACCESSI ALLE TERAPIE INTENSIVE

In dettaglio, rispetto alla settimana precedente, si registrano le seguenti variazioni: decessi: 279 (-36,4%), di cui 21 riferiti a periodi precedenti, con una media di 40 al giorno rispetto ai 63 della settimana precedente.

Terapia intensiva: -16 (-8,9%); ricoverati con sintomi: -253 (-6,8%); isolamento domiciliare: -31.658 (-14,1%).

Nuovi casi: 30.901 (-10,1%); casi attualmente positivi: -31.927 (-14%).

“Seppur ampiamente sottostimati – dichiara Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione GIMBE – i nuovi casi settimanali si confermano in ulteriore calo (-10,1%). Dai 34 mila della settimana precedente scendono a oltre 31 mila, con una media mobile a 7 giorni di poco oltre 4 mila casi al giorno”.

DIMINUZIONE DI CASI COVID IN TUTTE LE REGIONI TRANNE CHE NELLE MARCHE

I nuovi casi diminuiscono in tutte le Regioni ad eccezione di Marche (+12,2%), Provincia Autonoma di Trento (+0,4%), Sardegna (+25,9%), Toscana (+2,5%) e Valle d`Aosta (+12,5%). In 36 Province si registra un aumento dei nuovi casi. Si registra un calo del numero dei tamponi totali (-8,1%): da 595.539 della settimana 27 gennaio-2 febbraio a 547.026 della settimana 3-9 febbraio. In particolare i tamponi rapidi sono diminuiti del 9,9% (-47.013), mentre quelli molecolari sono diminuiti dell’1,2% (-1.500). La media mobile a 7 giorni del tasso di positività si riduce dal 5,3% al 5% per i tamponi molecolari e si riduce dal 5,9% al 5,8% per gli antigenici rapidi.

Skip to content