sabato, Dicembre 3, 2022
HomeAppuntamenti“Le fate in nero” di Gino Corcione, oggi la presentazione a Napoli

“Le fate in nero” di Gino Corcione, oggi la presentazione a Napoli

Si terrà oggi 5 ottobre alle ore 17.00 presso “Napoli 1820”, Viale Antonio Gramsci 11/D la conferenza stampa di presentazione dell’ultimo libro di una trilogia scritta dall’autore Gino Corcione: “Le fate in nero”. Nato a Napoli, avvocato civilista in pensione, l’autore, per la maggior parte dell’anno vive a bordo della sua amata vela di 12 metri, Lupo Solitario dove si dedica alla stesura di romanzi gialli immersi in avventure realmente vissute. Col suo ultimo romanzo troviamo di nuovo: le indagini di Napoleone Esposito, il mare e la città di Napoli.

SINOSSI

Estate,1985. Kattegat, un tratto di mare sconosciuto ai più, tra la penisola scandinava e la Danimarca, dove si fondono le grigie acque del Mare del Nord e del Mar Baltico: bassi fondali tra centinaia di scogli e isolotti che danno vita a correnti anomale. Nessuno che non sia nato e vissuto in quei luoghi può immaginare come sia navigare in quel tratto di mare se sorpresi da una tempesta: là fuori il mondo è capovolto e basta un attimo di indecisione per morire. Cinque ricche donne credono di andare in Norvegia, a Capo Nord, per ammirare il sole di mezzanotte.

Roma, un attico a Trinità dei Monti e un baule in soffitta: un francobollo con il volto della Regina Vittoria si affaccia intatto tra le buste e i fogli rosicchiati dal tempo e dai topi. Esistono al mondo solo altri 27 esemplari del One Penny delle Mauritius e ciascuno vale cinque miliardi di lire.

Un nobile decaduto crede di essere divenuto ricco.

Napoli, Napoleone Esposito ha finalmente aperto la sua agenzia di investigazioni, e ora, unico padrone di se stesso, crede di aver accettato un caso, uno come i tanti che aveva risolto alle dipendenze della compagnia di assicurazione Nautica Levante.

La loro vita è invece poca cosa per gli squali che, silenziosi e letali, si avvicinano in cerchi sempre più stretti, creando un vortice di morte, anche se il paragone non regge, perché gli squali uccidono per fame.

Un’avventura estrema, dal Nord del mondo a Roma e a Napoli, in un incalzare di colpi di scena che travolge il lettore dalla prima all’ultima pagina.

Skip to content