sabato, Maggio 25, 2024
HomeAttualitàMercatino via Bologna rischia chiusura, protesta degli ambulanti

Mercatino via Bologna rischia chiusura, protesta degli ambulanti

Mercatino via Bologna, manifestazione contro il trasferimento

Pagano l’occupazione di suolo pubblico ogni anno, non sono mai stati coinvolti in nessun tipo di attività illegale e rimuovono in autonomia i rifiuti prodotti in una giornata di lavoro. Eppure, la IV Municipalità vorrebbe trasferirli in un altro quartiere. Ecco perché questa mattina i venditori ambulanti del mercatino interetnico di via Bologna a Napoli hanno organizzato un corteo di protesta che, dalla zona della ferrovia, si è spostato davanti all’ingresso del comune. Tra i portavoce della protesta, Pierre Preira, presidente della comunità senegalese

L’IMPEGNO DELL’ASSOCIAZIONE 3 FEBBRAIO

Tra i motivi della chiusura, secondo la Municipalità, le denunce dei cittadini sul degrado in cui versa la zona e sul tasso di criminalità. Ma la motivazione addotta dalla Municipalità non sembra trovare riscontro nelle denunce alle forze dell’ordine e nei bilanci delle attività di controllo. Al fianco dei manifestanti, l’associazione 3 febbraio rappresentata da Pierluigi Umbriano.

UN CORTEO MULTIETNICO

Gli ambulanti sono per lo più africani, la chiusura del mercatino però non danneggia solo loro. Tra i manifestanti infatti anche un napoletano, che aveva già vissuto qualche anno fa una situazione analoga

Skip to content