giovedì, Febbraio 22, 2024
HomeAttualitàNapoli, ai "Miracoli" lo scudetto è una questione di fede

Napoli, ai “Miracoli” lo scudetto è una questione di fede

Il cammino della fede in piazza Miracoli sfiora Maradona, facendosi poi largo tra Osimehn e Kvaraskelia. Un percorso che

Il cammino della fede in piazza Miracoli sfiora Maradona, facendosi poi largo tra Osimehn e Kvaraskelia. Un percorso, colorato di azzurro e che culmina con il tricolore dello scudetto, quello che si inerpica tra le sagome degli eroi di Napoli verso il sagrato della chiesa di Santa Maria dei Miracoli dove il parroco, don Valentino De Angelis questa mattina era intento nel sistemare gli ultimi addobbi (intervista in file video allegato)

UN MIRACOLO IL PRIMO SCUDETTO DEL ’87, UN PRODIGIO IL TERZO

Nella città tutta colorata di azzurro oramai da mesi, nello slargo che sovrasta il popoloso rione della Sanità, il Napoli è anche una questione di fede. E se il primo scudetto del 87 fu un miracolo di Maradona, il terzo…

IL PARROCO HA SPOSATO  L’ENTUSIASMO DEI FEDELI

” Cosa ne pensano i fedeli ? Loro – dice Don Valentino, da tempo si sono abituati al parroco tifoso che utilizza spesso la metafora del calcio come senso di appartenenza ad un gruppo ad una squadra per puntare ad un obiettivo magari di riscatto sociale”. Per Don Valentino lo scudetto e’ cosa fatta, roba di ore, e, salito su una scala, si fa aiutare dai suoi assistenti per apportare le ultime modifiche allo scudetto. Oggi fa caldo e dopo un po’, per continuare ad operare, ha bisogno di togliere il maglione. Sotto, neanche a dirlo, al posto della camicia e del bianco collarino, il parroco tifoso indossa un’azzurra maglietta del Napoli.

Skip to content