sabato, Febbraio 24, 2024
HomeCronacaNota tiktoker napoletana denunciata, false dichiarazioni prima della crociera

Nota tiktoker napoletana denunciata, false dichiarazioni prima della crociera

La tiktoker napoletana Rita De Crescenzo ha fornito false dichiarazioni alla polizia di frontiera prima dell'imbarco sulla nave da crociera

Nuovi guai per la tiktoker Rita De Crescenzo che è stata denunciata per false dichiarazioni a un pubblico ufficiale.

A rendere noto l’episodio è il deputato dell’alleanza Verdi-Sinistra Francesco Emilio Borrelli. “La De Crescenzo, – scrive Borrelli in una nota – già salita agli onori delle cronache per la questione ormeggi abusivi e rapporti con I clan del Pallonetto di Santa Lucia, è stata bloccata al porto mentre si stava per imbarcare per una crociera, insieme al figlio.

FALSE DICHIARAZIONI A PUBBLICO UFFICIALE SECONDO IL PARLAMENTARE BORRELLI

Sono intervenuti la polizia di Frontiera, la polizia marittima e gli agenti del commissariato San Ferdinando”. Secondo la ricostruzione della Questura, si legge ancora nel comunicato, “la 45enne avrebbe presentato al Comune una denuncia di smarrimento della carta di identità del figlio, per richiederne una nuova ma il documento era regolarmente custodito presso la comunità, dove il ragazzo dovrebbe trovarsi, e quindi non era stato smarrito. Da qui l’accusa di false dichiarazioni a un pubblico ufficiale”.

AL CENTRO DELLA VICENDA I DOCUMENTI DEL FIGLIO MINORE

“Sempre secondo le forze dell’ordine, – dice ancora Borrelli – in compagnia della tiktoker e del figlio c’era anche il compagno. Rita De Crescenzo ha perso la patria potestà sul figlio ed è in corso una procedura al tribunale per i minorenni, per dirimere la questione, mentre suo marito ha ancora la patria potestà, ma è stata sospesa”.

“Ormai neanche ci meravigliamo più delle malefatte di questa persona che però rappresenta un pericolo per la società e la legalità ad anche per i suoi stessi figli che vengono educati secondo modelli e valori del tutto sballati. Quale futuro potrà allora essere riservato loro? I servizi sociali ed i giudici dovranno ora essere molto severi per questa e per tante altre situazioni simili”, commenta il deputato dell’alleanza Verdi-Sinistra.

Skip to content