venerdì, Febbraio 3, 2023
HomeCronacaTornano in piazza disoccupati napoletani: "Per noi solo repressione"

Tornano in piazza disoccupati napoletani: “Per noi solo repressione”

Uno striscione sulla facciata di palazzo Reale, un altro in Galleria Umberto. Fumogeni e petardi davanti alla Questura, tensione davanti ai palazzi delle istituzioni cittadine e traffico nel centro di Napoli: cartina al tornasole del ritorno in piazza dei disoccupati di lungo corso.

IN PIAZZA PER IL RISPETTO DEGLI IMPEGNI

7 novembre e movimento di lotta 167 Scampia sono tornati a chiedere lo sblocco dei progetti per l’impiego dei disoccupati storici nei servizi di igiene ambientale. La manifestazione di questa mattina è stata organizzata anche in risposta alla scure della Giustizia che si è abbattuta su 20 esponenti delle sigle di disoccupati, indagati dalla procura di Napoli per le occupazioni dello scorso 19 dicembre

REPRESSIONE CONTRO LA RICHIESTA DI LAVORO

(Nel video intervista a Eddy Sorge, portavoce 7 novembre)

Skip to content