giovedì, Giugno 13, 2024
HomeChiesa di Napoli"Vite al buio", la Chiesa di Napoli apre le porte ai trans

“Vite al buio”, la Chiesa di Napoli apre le porte ai trans

“Vite al buio”, la Chiesa di Napoli apre le porte ai trans

Non capita tutti i giorni di assistere in una chiesa ad un dibattito sulla transessualità.

I tempi cambiano, il nuovo corso impresso da Papa Francesco raccoglie i suoi frutti a Napoli nella Basilica di san Giovanni Maggiore.

In tanti, giovani e meno giovani, sono intervenuti all’iniziativa “Vite al buio”, una giornata di riflessione sulle difficoltà quotidiane delle persone transessuali, autorizzata dalla Curia e a cui ha preso parte anche il parroco don Salvatore Giuliano. Un nuovo corso per la chiesa che prova a essere più inclusiva dimostrando di essere più moderna dei tanti parlamentari che hanno lavorato nell’ombra per affossare il ddl Zan. La prima a rimaner sorpresa da questo nuovo atteggiamento è stata la fondatrice e vice presidente dell’Associazione Transessuali di Napoli, Loredana Rossi.

Peppe Barra e l’ex parlamentare Vladimir Luxuria al tavolo dei relatori.

Skip to content