sabato, Giugno 22, 2024
HomeCronacaTiziana Cantone, caso riaperto: il gip ordina nuove indagini

Tiziana Cantone, caso riaperto: il gip ordina nuove indagini

Il giudice chiede di fare accertamenti sulla panchetta ginnica e sul foulard rinvenuto sul corpo di Tiziana Cantone.

Tiziana Cantone, caso riaperto: il gip ordina nuove indagini

Altre indagini sulla vicenda di Tiziana Cantone, la 31enne trovata senza vita, con un foulard al collo, il 13 settembre 2016, nell’abitazione della madre, a Mugnano, in provincia di Napoli e la cui morte era collegata alla diffusione in rete a sua insaputa dei video personali che la ritraevano.
A ordinare nuove investigazioni è stato il Giudice per le indagini preliminari di Napoli Nord Raffaele Coppola, che ha accolto l’opposizione presentata dai legali di Teresa Giglio, madre della vittima, contro la richiesta di archiviazione della Procura.

RESPINTA L’ARCHIVIAZIONE RICHIESTA DALLA PROCURA

Gli avvocati della Giglio si sono infatti opposti alla conclusione cui è pervenuto qualche mese fa il pubblico ministero Giovanni Corona, che dopo aver aperto un fascicolo per omicidio volontario a carico di ignoti, aver fatto riesumare la salma e aver ordinato quell’esame autoptico mai effettuato sui resti della giovane, è tornato alla primissima ipotesi, quella del suicidio per impiccagione, ritenendo la strada dell’omicidio, secondo quanto emerso dall’autopsia, non praticabile.
Corona ha quindi richiesto al Gip l’archiviazione, così come era avvenuto per il primo fascicolo aperto dalla Procura di Napoli Nord nel 2016 dopo il fatto, in cui si ipotizzava l’istigazione al suicidio legata ai video hard di Tiziana finiti in rete.

SI INDAGA ANCHE SULLA PANCHETTA E SUL FOULARD RITROVATO SUL POSTO

Il giudice ha dunque accolto l’opposizione alla richiesta di archiviazione, seguendo il ragionamento difensivo degli avvocati che avevano posto l’attenzione su alcune anomalie emerse al termine delle indagini: la posizione di Tiziana Cantone, in ginocchio e con le gambe incrociate poco si confaceva a un suicidio, in quanto il presunto cappio era legato a una panchetta ginnica che non avrebbe retto alle oscillazioni.
Ora il giudice chiede di fare accertamenti proprio sulla panchetta, ma anche sul foulard che non era in tensione massima.

Skip to content