Home Cronaca “DescriVedendo Sansevero”: un nuovo percorso di visita per persone ipovedenti

“DescriVedendo Sansevero”: un nuovo percorso di visita per persone ipovedenti

DescriVedendo Sansevero è il titolo del nuovo progetto del Museo Cappella Sansevero,
nato grazie alla collaborazione con la l’Associazione Nazionale Subvedenti ODV, a favore
delle persone con disabilità visiva.
L’iniziativa, che inaugura a partire da dicembre 2021 in prossimità della Giornata
internazionale dei diritti delle persone con disabilità che ricorre il 3 dicembre, è stata
presentata questa mattina (martedì 30 novembre) presso il Museo Cappella Sansevero da
Maria Alessandra Masucci, Presidente Museo Cappella Sansevero, Rosa Garofalo, Direzione
e Coordinamento progetti Associazione Nazionale Subvedenti ODV e Responsabile relazioni
esterne DescriVedendo e Marco Boneschi, curatore del progetto DescriVedendo.
DescriVedendo Sansevero propone un percorso di visita inclusivo e ponderato sulle
specifiche esigenze delle persone ipovedenti, con l'obiettivo di rendere accessibile il
patrimonio storico-artistico del museo, attraverso idonee modalità di accoglienza.
Il progetto, che si colloca tra le attività dell’Associazione Nazionale Subvedenti ODV svolte
nell’ambito del miglioramento dell’accessibilità e fruibilità museale, prevede la realizzazione di
un testo descrittivo certificato realizzato seguendo un metodo specifico, precise linee
guida e successive fasi di validazione da parte di un panel di addetti al settore.
“Il Museo Cappella Sansevero prosegue con le iniziative dedicate all’inclusione sociale, al fine di
creare un ponte che riduca le distanze con il mondo della disabilità. – spiega Maria Alessandra
Masucci, Presidente del Museo Cappella Sansevero – Favorire la fruizione dell’arte attraverso
l’uso della tecnologia e di un linguaggio calibrato sulle esigenze delle persone ipovedenti,
permetterà a tutti di apprezzare i capolavori che abbiamo la fortuna di custodire. Per questo il
percorso di visita DescriVedendo sarà a disposizione di chiunque desideri farne esperienza,
calandosi per un attimo a occhi chiusi nella bellezza di questo luogo”.

Il metodo DescriVedendo prevede, dopo un primo periodo di studio e progettazione, la
definizione dei contenuti a cui fa seguito una valutazione dei testi da parte di un campione
di persone normovedenti e ipovedenti – partecipanti a titolo volontario – in modo da arrivare
ad una validazione definitiva del testo certificato. Parallelamente, l’Associazione Nazionale

Subvedenti ODV con i propri esperti ha realizzato un modulo formativo rivolto al personale
del museo, al fine di garantire un’adeguata accoglienza ai visitatori ipovedenti.
“Siamo felici che la collaborazione con la Cappella Sansevero ci abbia permesso di portare il
progetto DescriVedendo a Napoli, uscendo per la prima volta dai confini lombardi. – spiega Rosa
Garofalo Direttrice e Coordinatrice dei progetti ANS e Responsabile delle relazioni
esterne di DescriVedendo – ANS dal 1970 promuove attività e servizi a favore delle persone con
disabilità visiva in tutti gli ambiti della vita quotidiana, in particolare attraverso progetti di
inclusione e condivisione che garantiscano pari opportunità. DescriVedendo è il nostro fiore
all’occhiello nell’ambito dell’accessibilità culturale: grazie alla potenza evocativa del linguaggio
permette a tutti una fruizione inclusiva delle opere d’arte”.
DescriVedendo Sansevero è un servizio sempre a disposizione del visitatore: il testo
certificato è infatti diventato un tour speciale caricato sull’audioguida del museo, della
durata di 25 minuti, in cui le opere e la magnificenza della Cappella barocca vengono
illustrate per consentire alle persone con disabilità visiva la fruizione in autonomia delle
meraviglie del complesso monumentale. Gli intermezzi musicali e la voce narrante
dell’attore Riccardo Mei accompagnano il visitatore nel racconto storico, arricchito da una
descrizione preliminare ambientale che permette alle persone con disabilità visiva di
crearsi una mappa mentale per orientarsi nello spazio in cui si trovano. Sono fornite
indicazioni sull’eventuale presenza di barriere percettive e tutte le informazioni utili
sulla mobilità consentita all’interno del museo.
Dopo una breve introduzione sulla Cappella, il racconto si concentra sulle tre opere
principali: il Cristo velato, la Pudicizia e il Disinganno di cui vengono forniti tutti i dettagli
morfologici e simbolici oltre che le informazioni di contesto storico artistico. Il visitatore è
poi guidato verso l’uscita in Sacrestia dove termina la visita.
L’audioguida contenente il tour speciale verrà fornita gratuitamente a tutti coloro che
hanno una comprovata disabilità visiva.
L’Associazione Nazionale Subvedenti ODV dal 2017 ha avviato collaborazioni con i maggiori
musei milanesi e lombardi, realizzando percorsi di visita accessibili e inclusivi con il metodo
DescriVedendo, sia per opere esposte permanentemente che per mostre temporanee. Tra i
musei dove è stato realizzato il progetto certificato DescriVedendo ricordiamo: Castello
Sforzesco, Pinacoteca di Brera, Museo del Novecento, Museo Diocesano Carlo Maria Martini,
Casa Museo Boschi di Stefano, a Milano, e Museo Archeologico di Angera.
Il Museo Cappella Sansevero è impegnato da anni a promuovere progetti di inclusione con
la sperimentazione di percorsi fruibili da tutti attraverso collaborazioni con enti pubblici e
privati. Ai progetti Sansevero in LIS, che dal 2018 offre visite guidate speciali a persone sorde,
e Sansevero in Blu dedicato ai ragazzi con disturbo dello spettro autistico, si aggiunge oggi
DescriVedendo Sansevero che testimonia, ancora una volta, l’impegno della Cappella

Sansevero per la creazione di uno spazio culturale aperto a tutti in grado di offrire al suo
pubblico un’offerta differenziata a seconda delle esigenze specifiche.

Riello: “Due clan di camorra controllano tutta l’area metropolitana di Napoli”

Non è più valido lo schema di una camorra "polverizzata", rispetto ad una mafia organizzata militarmente. "Due soli clan, l' Alleanza di Secondigliano e...

Napoli, da lunedì 24 operativi tutti i centri anti violenza

Da lunedì 24 gennaio saranno operativi tutti i Centri Anti violenza presenti sul territorio cittadino: ne dà notizia l’assessorato alle pari opportunità guidato da...

La SSIP racconta digitalizzazione e biblioteche del futuro

“Le quattro dimensioni della Digitalizzazione e le Biblioteche del futuro" èl'appuntamento organizzato presso la sede della Stazione Sperimentale per l’Industria delle Pelli e delle...

Va al funerale della zia, latitante arrestato dai carabinieri a Portici

Lo scorso 29 marzo si rese protagonista di un rocambolesco inseguimento tra le strade di Ercolano dove, dopo aver rubato un furgone, alla vista...

Riello: “Due clan di camorra controllano tutta l’area metropolitana di Napoli”

Non è più valido lo schema di una camorra "polverizzata", rispetto ad una mafia organizzata militarmente. "Due soli clan, l' Alleanza di Secondigliano e...

Napoli, da lunedì 24 operativi tutti i centri anti violenza

Da lunedì 24 gennaio saranno operativi tutti i Centri Anti violenza presenti sul territorio cittadino: ne dà notizia l’assessorato alle pari opportunità guidato da...

La SSIP racconta digitalizzazione e biblioteche del futuro

“Le quattro dimensioni della Digitalizzazione e le Biblioteche del futuro" èl'appuntamento organizzato presso la sede della Stazione Sperimentale per l’Industria delle Pelli e delle...

Va al funerale della zia, latitante arrestato dai carabinieri a Portici

Lo scorso 29 marzo si rese protagonista di un rocambolesco inseguimento tra le strade di Ercolano dove, dopo aver rubato un furgone, alla vista...

Esplode ristorante a Fuorigrotta, l’ombra del racket e della guerra di camorra

Panico nella notte in via Caio Duilio a Fuorigrotta. Un ordigno esplosivo é stato fatto brillare da ignoti alle 4.20 del mattino nel dehors...
Skip to content