martedì, Luglio 16, 2024
HomeCronacaVannacci non va a presentazione candidati Lega campani per Europee, meglio gli...

Vannacci non va a presentazione candidati Lega campani per Europee, meglio gli spaghetti

Il generale dell'esercito ha preferito incontrare in maniera privata uno a uno i candidati campani della Lega per le europee.

Sono sette su 18 i candidati campani per la lega nelle liste dell’Italia meridionale alle elezioni europee. Il partito di Matteo Salvini ha scelto tra ex democristiani, ex cinque stelle, qualche arancione folgorato in passato sulla via di de Magistris ed esponenti storici della destra. Ma è quello del generale Roberto Vannacci il nome caldo che desta curiosità e ha scatenato polemiche in vista del voto del 8 e 9 giugno.

IL CAPOLISTA INDIPENDENTE

Capolista, l’ufficiale dell’esercito, che dal giorno dell’uscita del suo libro è finito sotto i riflettori, ha preferito un bello spaghetto con il Polipo in un ristorante del lungomare di Napoli alla sala conferenze dell’albergo cittadino dove era in corso la presentazione dei sette candidati che in Campania dovranno portare voti alla Lega di Salvini. Seppur capolista, venuto a Napoli soprattutto per presentare il libro, Vannacci resta un indipendente, hanno chiarito i rappresentanti nazionali del partito, Claudio Durigon Andrea Crippa

COSA PENSA LA BASE DEL VANNACCI PENSIERO

Un nome divisivo quello del generale Vannacci, soprattutto per la prospettiva da cui ha deciso di analizzare i temi del suo libro. Temi come l’omosessualità e l’immigrazione. Si parla di una base non proprio contenta della scelta del leader Salvini. Abbiamo testato l’umore di candidati e rappresentanti della Lega nel Governo e in Parlamento. Tra questi, Carmela Rescigno (candidata) e Gianluca Cantalamessa (senatore)

Skip to content