Al Cam di Casoria una mostra per la pace in Ucraina. Il supporto di 80 artisti ha consentito di realizzare l’evento. Il ricavato dell’iniziativa è stato interamente devoluto alla comunità ucraina. Chiesto con forza lo stop ai bombardamenti durante la serata. Gli artisti ucraini hanno inviato immagini delle loro opere da ogni parte del loro martoriato paese. Si sono succedute performance musicali e visive in un’alternanza di emozioni. L’evento è stato arricchito dai patrocini morali del Consiglio Regionale della Campania e della Città di Casoria.

AL CAM 80 ARTISTI IN MOSTRA

L’iniziativa ha vuoluto esprimere la netta posizione del Cam contro la guerra. Ma anche degli artisti visivi, dei musicisti ed in generale di tutti gli operatori delle arti e della cultura. A Casoria la mostra per la pace in Ucraina dimostra vicinanza a tutti quelli che soffrono a causa della guerra. Solidarietà al popolo ucraino martoriato dai bombardamenti russi e costretto a scappare. Uno scenario di guerra incomprensibile nel 2022 e che tiene in apprensione il mondo intero. Oltre 80 artisti, dunque, hanno risposto all’appello del Cam di Casoria per la pace. Gli artisi hanno subito colto all’appello ed hanno inviato le loro opere. Dunque attraverso quelle immagini e quelle testimonianze drammatiche si è potuto comprende il sapore amaro della guerra.

AL CAM DI CASORIA UNA MOSTRA PER LA PACE

Il direttore del Cam di Casoria, Antonio Manfredi che ha introdotto la serata salutando ospiti e artisti. Manfredi si è detto “sorpreso” per l’immediata risposta all’appello del Cam.
Applaudite le performance musicali di Tommaso Primo, Lino Vairetti (Osanna)
Kalìka e Valerio Bruner. Grande emozione per l’esibizione del trombettista Galatan Grigori. Partecipazione del pubblico per Annibale, Luk, Valeria de Stefano Roberto Colella & Vincenzo Capasso (La Maschera).
Direzione artistica @antoniomanfrediart. Coordinamento musicale @kamaak_music. Direzione tecnica @almaidriziart. Graphic designer @fmmvisualdesign.

VISITA IL CAM DI CASORIA