E’ il monumeto al degrado, eppure la Galleria Umberto I di Napoli potrebbe e dovrebbe essere il luogo di accoglienza e dello shaopping di qualità per napoletani e turisti.

Ecco come si presentava stamane.

Il collonnato esterno da tempo è luogo di ricovero per senza tetto e extracomunitari che di notte si accampano con cartoni e coperte bivaccando e sporcando il marciapiede con resti di pranzi frugali, urina e defecazioni.
Da tempo a lanciare l’allarme i commercianti e i tassisti che ogni giorno stazionano davanti il San Carlo tra miasmi irrespirabili.
All’interno del monumento la situazione non migliora.
Truffatori e rom provano a spillare soldi ad anziani e turisti.
Pochi i vigili urbani che stazionano all’interno della Galleria, che di sera poi si tramuta in un campo di calcio e in un luogo da evitare vista la presenza di scippatori, spacciatori e baby gang.