Lutto nel mondo dell’editoria, è morto Paolo Serretiello, patron di Radio Marte

0
249
Si è spento questa notte all’età di 60 anni l’editore e fondatore di Radio Marte, Paolo Serretiello. Il mondo dell’etere radiofonico perde un grande protagonista capace negli anni di fare crescere la sua creatura attraverso operazioni di alto livello, legandosi anche per molti anni alla Ssc Napoli di Aurelio De Laurentiis.
Anche il Sindaco di Npaoli, Luigi de Magistris ha espresso profondo cordoglio per la scomparsa dell’editore di Radio Marte Paolo Serretiello e, anche a nome dell’intera Amministrazione comunale, è vicino alla famiglia e a Radio Marte. 
“Paolo Serretiello era un editore attento alla vita della città – ha detto De Magistris – e la raccontava attraverso le frequenze della “sua” radio, che era una delle sue ragioni di vita. Mancherà al mondo della radio, di tutte le radio“ha detto il primo cittadino 
“Siamo profondamente addolorati per la scomparsa di Paolo Serretiello ed esprimiamo profondo cordoglio alla sua famiglia. Se ne va un grande amico e una figura insostituibile. Con Radio Marte è stato capace di creare una voce pluralista che, oramai da decenni, racconta la nostra città e la nostra regione. Per noi che abbiamo avuto la fortuna di collaborare con lui è stato una guida disponibile e mai invadente. Una sua grande dote era il rispetto delle idee altrui. Ha dato sempre la libertà di esprimersi ai suoi collaboratori, anche quando le visioni erano diverse”. Lo affermano il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e lo speaker radiofonico Gianni Simioli, ideatori della trasmissione “La Radiazza”, in onda da otto anni su Radio Marte. “Paolo – aggiungono Borrelli e Simioli – ci ha dato la possibilità di portare avanti il progetto de “La Radiazza” senza mai fare pressioni o imporre la sua visione nonostante la delicatezza dei temi che trattiamo ogni giorno. Con Paolo se ne va un pezzo dell’emittenza radiofonica libera a Napoli. Di lui resteranno gli insegnamenti e il ricordo di un visionario che ha saputo dare voce alle diverse anime della Regione. Mancherà senz’altro a tutti. Non possiamo che ricordarlo con un sorriso e con tanta nostalgia”.