Ancora una “stesa” vicino al centro storico a Napoli.
Nove colpi di pistola infatti sono stati esplosi la notte tra sabato e domenica contro l’abitazione di un pregiudicato di via San Giovanni a Carbonara, nei pressi di Porta Capuana.

Il quarantenne, Alberto Volpe, ritenuto vicino al clan Sibillo, ha trovato 9 bossoli a terra mentre faceva ritorno a casa dalla discoteca dov’era andato con la moglie, all’alba di ieri. Al momento del raid nell’appartamento c’erano i figli e la madre del pregiudicato e nessuno di loro si è accorto di niente, essendo le stanze dove si trovavano lontane dall’ingresso.

I colpi però sono arrivati all’interno della casa, quattro hanno raggiunto la camera da letto, dove in quel momento non c’era nessuno. I carabinieri intanto indagano sulle frequentazioni dell’uomo.

A via Toledo, nel quartiere di Soccavo e a Forcella le ultime sparatorie a scopo intimidatorio da parte della camorra, e proprio dove fu uccisa Annalisa Durante, il 3 settembre scorso è stata ferita gravemente una donna affacciata al balcone.