Pasqua, boom di turisti in siti archeologici e monumenti della Campania

0
670

L’assessore al Turismo e ai beni culturali Pasquale Sommese ha illustrato oggi i dati definitivi dell’afflusso turistico a Napoli e in Campania durante le festività pasquali.

In testa, gli Scavi di Pompei con 12 mila ingressi, cui seguono 2049 biglietti nella vicina Ercolano (visitata sabato anche dalla cancelliera tedesca Angela Merkel) e 201 agli Scavi di Oplonti.

Con 3157 ingressi, la Reggia di Caserta si contende lo scettro insieme a Torino come palazzo reale più visitato d’Italia.

Il museo di San Gennaro ha registrato 2723 visitatori, quello Archeologico 6100, il Maschio Angioino 3000.

Gli alberghi hanno registrato l’82% delle stanze piene, con un 2% in più rispetto all’anno scorso.

Su 200 Bed and Breakfast, l’85% ha registrato il tutto esaurito.

Gli arrivi all’aeroporto di Capodichino superano del 5% quelli della Pasqua 2014, con prevalenza di inglesi, francesi, giapponesi e spagnoli. Grazie al nuovo volo diretto Napoli – Tel Aviv è stata segnalata altresì la presenza di moltissimi israeliani.