Con la pistola sottratta al fratello e sparando in maniera del tutto casuale, da solo è riuscito a seminare il panico in almeno tre comuni dell’Agro nocerino sarnese e in uno della Valle dell’Irno.
Oltre a danneggiare auto, insegne e vetrine di attività commerciali, è riuscito a ferire una ragazza di 21 anni, a Cava de’ Tirreni, lo scorso lunedì e un pensionato di 66 anni, ad entrambe le gambe, a Nocera Inferiore.
Fino a ieri sera, quando poco dopo le 20 e al termine di una lunga caccia all’uomo, è stato arrestato dalla polizia del commissariato di Nocera Inferiore.

Il ragazzo, Luca Criscuolo di 27 anni, interrogato, ha ammesso di essere l’autore di almeno otto sparatorie consumate tra Cava de’ Tirreni, Nocera Inferiore, Pagani e Sarno. Si trova ora in stato di fermo nel carcere di Fuorni. La sua follia – sulla quale non sembrerebbe esserci alcuna motivazione – sarebbe esplosa lunedì scorso. A bordo di un’auto si sarebbe infattiprima diretto a Cava, sparando all’indirizzo di un bar e ferendo gravemente una ragazza di 21 anni.
Martedì mattina invece a Nocera Inferiore, è ritornato alla carica esplodendo tre proiettili verso un’attività di parrucchiere.
Ieri mattina invece, si sarebbe diretto prima a Sarno, poi a Pagani e infine di nuovo a Nocera Inferiore, sparando diverse volte contro persone e attività commerciali.

In seguito, alle 19, il giovane avrebbe nuovamente sparato altre tre volte lungo il Prolungamento Matteotti, nei pressi di un bar. Senza ferire nessuno, ma danneggiando l’insegna dell’attività commerciale.
Dopo essere tornato da Sarno, il 27enne si è ritrovato in via Garibaldi, a Nocera Inferiore, nei pressi del bar Roma, sparando anche stavolta verso alcune persone sedute ai tavoli. Ad avere la peggio un pensionato di 66 anni, ferito ad entrambe le gambe ma non in pericolo di vita. Poi l’arresto, con la città di Nocera Inferiore chiusa dai posti di blocco di polizia e carabinieri.