Dal 3 al 14 luglio migliaia di atleti alloggeranno a Napoli per partecipare all’Universiade. Arriveranno da ogni parte del mondo.

Ed è proprio per rispettare le loro diverse fedi religiose che l’organizzazione dell’Olimpiade universitaria ha siglato con la Curia di Napoli un protocollo d’intesa per far si che i partecipanti non abbiano difficoltà legate al culto delle rispettive religioni.

A siglare l’accordo con l’arcivescovo di Napoli, il cardinale Crescenzio Sepe, il commissario dell’Agenzia regionale per l’Universiade, Gianluca Basile.

Il cardinale Sepe ha spiegato il genere di iniziative che saranno organizzate in città.