giovedì, Luglio 25, 2024
HomeCulturaVilla Cuomo, protocollo d'intesa per il rilancio turistico del sito

Villa Cuomo, protocollo d’intesa per il rilancio turistico del sito

Previste anche nuove attività di scavo e il completamento delle opere di valorizzazione e di rilancio dell'area di Sant'Antonio Abate

Rendere fruibile Villa Cuomo, valorizzarla come merita, inserirla in un percorso turistico più ampio che possa finalmente comprendere anche Sant’Antonio Abate e promuovere nuove attività di scavo archeologico.

Con questo obiettivo, è stato firmato un importante protocollo d’intesa tra il Comune di Sant’Antonio Abate, la Soprintendenza di Napoli, il Parco Archeologico di Pompei e la Facoltà di Agraria dell’Università degli studi di Napoli “Federico II”.

CONFERNZA STAMPA PER LA PRESENTAZIONE DELL’ACCORDO TRA ENTI

Per l’occasione, nel sito archeologico di Villa Cuomo si è svolta una conferenza stampa di presentazione dell’accordo tra i vari Enti. A fare gli onori di casa il sindaco Ilaria Abagnale. Una nuova campagna di scavo realizzerà quanto auspicato da Carlo Cuomo, che quasi cinquant’anni fa diede prova di spiccato senso civico e investì tempo e risorse economiche alla scoperta del sito archeologico.

NUOVA CAMPAGNA DI SCAVO A VILLA CUOMO

Quella villa, seppellita dalle ceneri e dal tempo, tornerà alla luce grazie ad un finanziamento del Ministero dei Beni culturali come spiegano Mariano Nuzzo, dirigente della Soprintendenza Archeologica di Napoli e provincia e Gabriel Zuchtriegel, direttore del Parco Archeologico di Pompei. Un luogo dove riscrivere la storia agraria di Sant’Antonio Abate questo l’obiettivo della Federico II come ha sottolineato il professor Danilo Ercolini, preside della Facoltà di Agraria.

Skip to content