Carla Caiazzo è solo una delle tante vittime di violenza e abusi da parte dei propri uomini. Oltre cento le donne in Italia che ogni anno vengono uccise da uomini, quasi 7 milioni, secondo i dati Istat, quelle che nel corso della propria vita hanno subito una forma di abuso. E Carla Caiazzo, la donna di Pozzuoli viva per miracolo dopo che l’ex compagno aveva cercato di ucciderla dandole fuoco, è diventata simbolo della giornata internazionale contro la violenza sulle donne che ricorre oggi. Due giorni fa la sentenza che ha condannato a 18 anni il suo ex compagno, Paolo Pietropaolo, da cui aspettava un figlio. Questa mattina, Carla era attesa nella sede del sindacato dei giornalisti per un incontro sul tema della violenza sulle donne ma non se l’è sentita di partecipare, scegliendo il telefono per lanciare un messaggio

Tra le iniziative di maggior rilievo sull’argomento, un evento che si è svolto questa mattina nel complesso monumentale di Santa Maria La Nova ed a cui hanno preso parte diverse associazioni napoletane come Donna in corsa Caracciolo, rappresentata da Anna vigorito