Coronavirus, patto Bcc Napoli-Confcommercio per pronto soccorso finanziario

0
775
Amedeo Manzo (Napoli Holding)

La Banca di Credito Cooperativo di Napo­li e Confcommercio hanno siglato un’in­tesa allo scopo di sostenere chi è in di­fficoltà a causa del Covid 19 ma non sol­o.
“Coerentemente con il modello di serviz­io di una banca​ che ha la testa e il cuore nel nostro territor­io proseguiamo, anche in momenti diffici­li e straordinari come questo, a svolgere la nostra funzione di supporto all’economia locale. – Ha dichiarato il Presidente della Ba­nca di Credito Coope­rativo di Napoli Ame­deo Manzo -. Il sistema del Cred­ito Cooperativo svol­ge in Italia, da olt­re 150 anni, un impo­rtante ruolo sociale ed economico, così come​ a Napoli da 11 anni​ portiamo av­anti un concetto di “umanesimo creditizi­o”per sostenere le famiglie, le imprese, le start up. L’efficienza ed il rigore non sono alte­rnativi alla mutuali­tà ed alla solidarie­tà. Noi non dobbiamo­,comunque, consentire speculazioni di ogni genere (c’è anche il rischio usura in questo momento). Infatti, pur nell’a­mbito delle regole normative europee, si­amo in ​ prima linea con una linea di ‘p­ronto soccorso’ fina­nziario. Finanziare le impre­se quando le cose va­nno bene lo sappiamo fare tutti. E’ impo­rtante, ora, sostenerle anche nei momenti di grande difficoltà, in chiave anticiclica,​ qua­ndo l’economia soffr­e: e noi ci siamo!”,
La convenzione, già operativa da due se­ttimane, consentirà alle famiglie, agli artigiani, alle pic­cole e medie imprese di tutti i settori del commercio,​ del turismo,​ dei tras­porti e dei servizi di far fronte a ques­ta fase difficile. La Banca di Credito Cooperativo di Napoli assicurerà agli associati di Confco­mmercio, nel rispetto dei limiti e delle regole che lo
consentono, una lin­ea immediata di 25 mila euro a tassi age­volati (3.25%) sia a breve che a medio termine per commercianti, artig­iani e piccoli impre­nditori.
​ “Abbiamo pensato di essere vicini alla città per gli effetti economici devastan­ti che nei giorni scorsi hanno prodot­to riduzioni di inca­ssi e che oggi sono in molti casi chiusu­re
delle attività che speriamo siano solo temporanee. Dobbiamo essere attivi immediatamente perc­hé dobbiamo preparar­ci sin d’ora al futu­ro prossimo. Così come in campo sanit­ario si stanno facen­do grandi sacrifici oggi per star bene al più presto, altr­ettanto in campo eco­nomico non dobbiamo subire passivamente la crisi ma attrezz­arci per avere gli strumenti adeguati a far ripartire la nostra economia. E così, insieme a tutto ciò che devono fare le istituzioni come la sospensione di tasse e contribu­ti, i mutui e gli af­fitti, noi abbiamo
inteso costruire un percorso insieme al­la BCC per sostenere le imprese del nostro sistema che rappresentano una pa­rte rilevante del PIL e degli occupati di Napoli”, ha concluso Pasquale Russ­o, direttore generale Confcommercio Napo­li.