La crisi si fa sentire anche per le associazioni attive nel sostegno alle realtà disagiate. Chiude “A’ voce d’e criature”, l’organizzazione fondata e gestita da don Luigi Merola, il sacerdote anticamorra già parroco di Forcella. Mancanza di fondi, questa la motivazione ufficiale, dovuta alla scarsità di offerte ricevute negli ultimi tempi, dove il deficit economico ha fatto diminuire anche le donazioni caritatevoli. La struttura, sorta su di un bene confiscato nei pressi di Corso Malta, ha goduto negli anni del supporto delle forze dell’ordine. Il sindacato di polizia Coisp ha espresso il proprio rammarico mediante il segretario Giulio Catuogno. E a commentare la chiusura dell’associazione ai nostri microfoni è proprio il sacerdote di Villaricca.

INT. MEROLA