Stanchi di subire aggressioni e atti vandalici, chiedono l’intervento del Governo i rappresentanti dei Caf di Napoli.

Gli sportelli dei centri di assistenza fiscali sono stati presi d’assalto dai cittadini dal giorno in cui il Governo ha varato le misure di sostegno economico delle famiglie in difficoltà.

E i Caf del sud, con le varie forme di disagio sociale da cui è accompagnato e la chiusura degli sportelli Inps, sta pagando lo scotto maggiore.

Non chiedono un presidio fisso delle forze dell’ordine i gestori dei Caf, ma una figura che possa aiutarli nella gestione del rapporto con l’utenza.

Portavoce della protesta è Vincenzo Caniglia, segretario Generale e presidente del Sindacato Silced Zerocarta Caf.