Torna a Napoli Ernest Pignon-Ernest, artista francese, che espone nel complesso museale di Santa Maria delle Anime del Purgatorio a Napoli, un’installazione dedicata ad otto grandi mistiche cristiane. Una riflessione sul rapporto tra interiorità ed esteriorità, tra anima e corpo.

In dialogo da quasi 20 anni con le figure delle mistiche Ernest Pignon-Ernest ha voluto portare questo lavoro a Napoli, città che lo ha ispirato nella prima lettura degli scritti delle Sante: Maria-Maddalena, Ildegarda di Bingen, Angela da Foligno, Caterina da Siena, Teresa d’Avila, Maria dell’Incarnazione, Louise du Néant e Madame Guyon.

Il rapporto di Ernest Pignon-Ernest con Napoli risale al 1988, dove soggiornò, lasciando segni indelebili del suo passaggio nel centro antico e diventando così uno dei protagonisti della cultura cittadina tra gli anni ’80 e ’90.

Nel suggestivo ipogeo del Complesso del Purgatorio ad Arco si dispiegano tra oscurità e luce otto disegni autoportanti di grande formato a grandezza naturale che raffigurano le mistiche. Le opere sono collocate su una superficie d’acqua che riflette i disegni insieme allo spazio circostante.