giovedì, Luglio 7, 2022
Home Cronaca Gaja e Serena cercano il donatore per sconfiggere l'aplasia. Appello dei genitori...

Gaja e Serena cercano il donatore per sconfiggere l’aplasia. Appello dei genitori per la tipizzazione

Uno. Uno è un numero piccolo piccolo. Ma che può diventare un gigante. Sì perche Uno è colui che stanno cercando Gaja e Serena per sconfiggere la loro malattia. Uno è la possibilità su centomila di trovare un donatore di midollo compatibile per sconfiggere l’aplasia midollare.

Gaja e Serena, 12 e 17 anni, hanno scoperto a novembre di soffrire della stessa malattia, e siccome la vita insegna spesso che il caso non esiste ha fatto in modo che le due ragazze (la prima di Napoli, la seconda di Pomigliano d’Arco) si trovassero a condividere la stessa stanza dell’ospedale Bambino Gesù a Roma. Giorno dopo giorno, terapia dopo terapia, in quel microcosmo che si crea nella camera di un ospedale i loro genitori hanno stretto un patto: di trovare Uno. Uno per Gaja, Uno per Serena.

Mano nella mano, e mano nella mano con chi ha già affrontato questa ricerca, si sono incamminati e hanno lanciato sui social network l’appello più importante dedicato a chi, secondo i parametri medici, può iscriversi al registro dei donatori.

Sono vari gli appuntamenti fissati con l’Admo, associazione donatori midollo osseo che anche stavolta ha messo in campo il proprio impegno e le risorse necessarie a organizzare giornate di tipizzazione.

La prima è oggi a Brusciano in via Padula, cui seguirà quella di giovedì 6 febbraio a Villa Medusa (via di Pozzuoli) dalle 16 alle 20.

Il messaggio è semplice e chiaro. Per entrare nel registro mondiale dei potenziali donatori di midollo osseo ci si deve sottoporre a un semplice tampone salivare. Occorre avere una buona salute, fra i 18 e i 35 anni e pesare almeno 50 kg.

Altrettanto semplice è la donazione, come si legge sul sito dell’Admo. Il sangue del donatore viene prelevato da un braccio e passato all’interno di un apposito macchinario dotato di una centrifuga che, come nell’aferesi del plasma e delle piastrine, separa e trattiene le cellule staminali. Il sangue filtrato viene poi immediatamente re-infuso nell’altro braccio del donatore.

Maurizio Imparato, come hanno fatto altre mamme e papà nei tempi passati, ha deciso di affidare a FB le sue sensazioni, le emozioni, i pensieri di un uomo che con coraggio e una incredibile forza affronta con Gaja questo nuovo e inaspettato capitolo della vita.

“Cosa senti quando ti rendi conto di avere davanti a te una sfida enorme? Due solo le sensazioni che ti assalgono. La paura di non farcela e l’ansia di non sapere a chi rivolgersi. Esiste una terza strada? Si. Girarsi intorno e chiedere aiuto. Chiedere aiuto ti permette di scoprire quante meravigliose persone esistono intorno a noi. Questa è la verità. Trovare da soli l’UNO su 100.000 è un’impresa titanica. Trovarlo insieme a centinaia di amici che si attivano scioglie le paure e lenisce l’ansia. Uno su 100.000 diventa un risultato possibile. Scoprire che insieme all’UNO per Gaja giovedì 6 febbraio nasceranno tanti UNO disponibili a salvare tante altre Vite rende questo percorso più ‘dolce’. Tipizzarsi è semplice. Restituire una Vita normale a chi oggi soffre in ospedale un Dono. Roba da UNO, insomma. Peccato non esserci. Fatti Vivo, UNO”.

Consigliere Regionale Fulvio Frezza: “Approvato il bando per l’assegnazione degli incarichi di libera pediatria 2022, una battaglia vinta!”

“Finalmente una buona notizia: arrivata l'approvazione del Decreto Dirigenziale n. 24 del 30/6/2022 da parte delta Direzione Generale per la Salute della Regione Campania"...

Gratuito patrocinio, avvocati napoletani chiedono intervento del Parlamento

Nel 1995 erano settemila in Italia le richieste di gratuito patrocinio di cittadini non in grado di pagare l’avvocato, nel 2020 180mila. Solo nel distretto...

Sanità 20/30, si pianifica il futuro con i fondi del Pnrr

Pianificare la sanità in Campania grazie anche ai fondi del PNRR. Se ne è discusso a Città della Scienza a margine del “Laboratorio Sanità...

Covid, Zuccarelli: “Rischio paralisi per gli ospedali, quarta dose per i sanitari. Obbligo di denunciarsi in caso di positività”

«Credo sia ormai indispensabile una seria riflessione sull’esigenza di una quarta dose da somministrare al personale sanitario. Il virus è dilagante e rischiamo nel...

Consigliere Regionale Fulvio Frezza: “Approvato il bando per l’assegnazione degli incarichi di libera pediatria 2022, una battaglia vinta!”

“Finalmente una buona notizia: arrivata l'approvazione del Decreto Dirigenziale n. 24 del 30/6/2022 da parte delta Direzione Generale per la Salute della Regione Campania"...

Gratuito patrocinio, avvocati napoletani chiedono intervento del Parlamento

Nel 1995 erano settemila in Italia le richieste di gratuito patrocinio di cittadini non in grado di pagare l’avvocato, nel 2020 180mila. Solo nel distretto...

Sanità 20/30, si pianifica il futuro con i fondi del Pnrr

Pianificare la sanità in Campania grazie anche ai fondi del PNRR. Se ne è discusso a Città della Scienza a margine del “Laboratorio Sanità...

Covid, Zuccarelli: “Rischio paralisi per gli ospedali, quarta dose per i sanitari. Obbligo di denunciarsi in caso di positività”

«Credo sia ormai indispensabile una seria riflessione sull’esigenza di una quarta dose da somministrare al personale sanitario. Il virus è dilagante e rischiamo nel...

Covid, a Napoli il virus corre veloce. Manfredi: “Mascherine e vaccini per difendersi”

E' preoccupato e predica attenzione alla popolazione il sindaco di Napoli Gaetano Manfredi, a margine dell'evento 'Laboratorio Sanità 20/30' in corso a Città della...
Skip to content