Partita perfetta e successo decisivo per rilanciare le ambizioni scudetto.

Arma vincente il colpo di testa di Koulibaly che firma lo storico successo allo Stadium contro la Juventus: stacco di testa imperioso su calcio d’angolo di Callejon e la squadra di Sarri torna a -1 dai bianconeri per un finale che si prospetta infuocato.

Tutto in gioco anche perché i bianconeri sono attesi da due impegnative trasferte sui campi dell’Inter e della Roma. Già nel prossimo week-end gli azzurri, che giocheranno invece in trasferta a Firenze, potrebbero compiere il sorpasso e riportarsi dopo due mesi al comando della classifica.

Pochi minuti dopo il fischio finale della partita è già cominciata la festa in città. In strada in tutti i quartieri di Napoli, i tifosi azzurri hanno dato inizio ai festeggiamenti che sono durati fino all’alba.

Migliaia le persone in piazza, caroselli di auto, sirene spiegate e fuochi d’artificio. E almeno diecimila i sostenitori azzurri che si sono diretti all’aeroporto di Capodichino per attendere la squadra al ritorno da Torino.

Già sabato al momento della partenza della squadra alcune migliaia di tifosi avevano accompagnato il pullman della squadra sia alla partenza dallo stadio San Paolo, sia all’aeroporto.

Maurizio Sarri intanto si gode la grande vittoria contro la Juventus: “Abbiamo dato una grande soddisfazione ai nostri tifosi ha detto chiarendo inoltre l’episodio del dito medio ai tifosi juventini che hanno accolto il pulman napoletano a Torino: “Ce l’avevo con un gruppetto di persone che ci offendeva perché eravamo napoletani e ci sputava addosso. Non mi sarei mai permesso di fare questo gesto contro i sostenitori della Juve che ci hanno accolto bene”.