Lavoro e sviluppo, assegnati i premi “Crescenzio Sepe”.

Gennaro Sangiuliano, Benedetto Casillo, Amedeo Manzo, Gerardo Capozza e Oreste Vigorito sono i vincitori del premio Sepe 2019. Ad essere premiati con una menzione speciale nel corso della cerimonia alla Camera di Commercio anche Franjo Topic e Bianca Iengo.

La kermesse giunta alla ottava edizione è come sempre organizzata dal Movimento Cristiano Lavoratori nell’ambito del convegno “Le politiche del lavoro per uno sviluppo nuovo del Mezzogiorno”. Il Cardinale Sepe ai nostri microfoni sottolinea il ruolo della Napoli del fare.

I giovani di Napoli e del Mezzogiorno sono la nostra arma vincente ma bisogna creare quelle condizioni infrastrutturali, di tutela e innovazione necessari per fare quel salto di qualità che attendiamo da troppo tempo. Così i premiati Sangiuliano (direttore del Tg2) e Manzo (Presidente della Bcc di Napoli): “Sono nato nel cuore della città – ha spiegato Sangiuliano -e questo resta in me come un segno profondo. Perché Napoli oltre a essere una grande metropoli è una grande dimensione culturale e spirituale e non bisogna perdere le tracce di questa spiritualità”; “Credo sia un riconoscimento a un percorso di lavoro fatto per la città – ha sottolineato Manzo -, tra la gente e per la gente. Un po’ capovolgendo i criteri della bancarietà, mettendo al centro l’uomo. Facendo vivere quel rating umano che pochissimi portano avanti”.