Maradona batte il fisco, non era un evasore fiscale: ora è guerra per l’eredità

La Cassazione: "Ha diritto al condono concesso al Calcio Napoli". La vittoria del suo legale, l'avvocato Angelo Pisani

0
174

E’ arrivata post mortem la vittoria in Cassazione per Diego Armando Maradona. La suprema corte ha stabilito che il campione, morto il 25 novembre in Argentina, ha diritto al condono concesso al Napoli Calcio e definito nel 2013. Insomma, si chiude il contenzioso fiscale, per un valore di circa 40milioni di euro. La Commissione regionale della Campania dovrà valutare se ci sono pendenze non condonabili. Ma l’ultimo dribbling funambolico non lo ha compiuto l’asso argentino, bensì il suo legale, l’avvocato Angelo Pisani, che ha curato la vicenda insieme con il collega Angelo Scala.
Ora per i cinque eredi di Maradona, naturalmente interessati all’esito della sentenza, si è aperta la contesa per l’eredità. Un’altra partita che si annuncia complicata e non priva di asprezze, già corredata da denunce e veleni.