L’unico modo per evitare tonnellate di rifiuti nelle strade di Napoli e provincia è riuscire a far salire ulteriormente le percentuali di raccolta differenziata.

A palazzo san Giacomo lo sanno, ecco perchè nelle ultime 24 ore l’amministrazione comunale ha sguinzagliato la polizia municipale nel centro città.

Ne hanno fatto le spese sei bar di piazza Trieste e Trento, tra cui lo storico Gambrinus reo, come gli altri esercizi commerciali, di non aver separato in maniera corretta i rifiuti. 500 euro la sanzione per chi non ha rispettato le regole.

La città, che fino a ieri, sembrava sull’orlo di una crisi, questa mattina si è risvegliata pulita nella maggioranza dei quartieri.

In contemporanea, il giro di vite contro i furbetti della differenziata programmata poche settimane prima del preoccupante stop per manutenzione dell’inceneritore di Acerra.

Una buona differenziata infatti, che oggi si attesta a Napoli città con percentuali di poco superiori al 50%, è l’unica speranza per non rivedere montagne di spazzatura per le strade.

E così controlli a tappeto in tutta la città da parte della polizia municipale che dopo i controlli nell’area a ridosso della stazione ferroviaria ha spostato l’attenzione nel salotto buono della città. Meglio tardi che mai.