L’associazione nazionale Noi Consumatori chiede al ministro Tria e al governo giallo verde il rispetto dei diritti dei contribuenti e una proroga per la rottamazione Ter e per il saldo e stralcio delle cartelle esattoriali a causa di gravi disagi e di servizi per l’espletamento di tali procedure.

Le File disumane agli sportelli ex Equitalia ed il perdurare dei malfunzionamenti informatici della piattaforma online del sistema della riscossione hai impedito a contribuenti e professionisti di poter presentare le domande di rottamazione Ter e di poter valutare estratti per regolarizzare le rispettive posizioni contabili entro la scadenza di martedì 30 aprile si legge nella lettera del presidente avvocato Angelo Pisani indirizzata al ministro dell’economia e al governo evidenziando la necessità di una proroga di termini di presentazione dell’istanza adesione.

Anche stamane si assiste file infernali e vergognose agli sportelli del fisco e continuano a pervenire all’associazione consumatori segnalazioni di estrema difficoltà operativa da parte dei contribuenti che tentano di aderire alla rottamazione.

Nel rispetto della costituzione si garantisca a tutti professionisti e contribuenti di poter regolarizzare posizioni contabili con il fisco ed evitare esecuzioni disumane come pignoramenti , ipoteche e fermi amministrativi prorogando il termine di scadenza almeno di un mese senza sparare a vista con esecuzioni esettoriali su vittime indifese.