Recale, alunni maltrattati: arrestata la maestra

0
707

Maltrattamenti ai danni di alcuni alunni. Questa l’accusa che ha portato agli arresti domiciliari una maestra sessantenne in servizio presso la scuola elementare di Recale, comune in provincia di Caserta. Ad eseguire il provvedimento i Carabinieri grazie a una telecamera nascosta di videosorveglianza, installata per due mesi dai Carabinieri all’interno dell’aula dell’istituto in cui la maestra svolgeva il suo lavoro. Secondo la ricostruzione degli inquirenti al centro delle indagini ci sarebbe anche qualche schiaffo dato agli alunni. La classe è una prima elementare della scuola “Falcone” facente parte dell’istituto comprensivo “Giovanni XXIII”. L’indagine, partita dalla procura di Santa Maria Capua Vetere, ha avuto inizio con le denunce di genitori e della dirigente scolastica dell’istituto. Insulti, minacce ed anche violenze fìsiche commesse con schiaffi, strattonamenti, percosse al capo e tirate di capelli ai danni dei minori, alcuni dei quali hanno riportato lesioni. In un caso lo strattonamento ha prodotto altresì serie lesioni alla spalla di uno dei bambini. Questo si legge nel comunicato della Procura.