Whirlpool “congela” chiusura stabilimento Napoli, sindacati confermano sciopero generale

0
713

Arriva in extremis la notizia che rida’ speranze ai 421 lavoratori dello stabilimento Whirlpool di Napoli.

L’azienda americana ha bloccato la chiusura della fabbrica e i licenziamenti, che sarebbero scattati il prossimo 1 novembre.

La decisione è arrivata dopo un incontro tra i vertici del colosso americano e il ministro dello Sviluppo economico, Paduanelli.

Una buona notizia, soprattutto perchè arriva dopo settimane di silenzi che lasciavano presagire che lo stabilimento avrebbe chiuso di sicuro e i lavoratori sarebbero stati licenziati.

Oggi la notizia positiva ma non una vittoria piena per i lavorato. Si riapre il dialogo al fine di trovare soluzioni alternative alla cessione del ramo di azienda agli svizzeri della Prs.

Soddisfazione ma senza fiducia incondizionata da parte degli operai e da parte dei sindacati, che per domani hanno proclamato lo sciopero generale dell’industria terziaria dell’area metropolitana di Napoli. Per i leader campani di uil, cgil e cisl, Giovanni Sgambati, Walter Schiavella e Giampiero Tipaldi quella di Whirlpool non è l’unica vertenza occupazionale del territorio