Sarà un 2019 all’insegna del contenzioso amministrativo, dovuto soprattutto alle recenti misure legislative del condono e ricostruzione di Ischia e del reddito di cittadinanza.

Ad affermarlo nel giorno dell’apertura dell’anno Giudiziario del Tar Campania 2019 il presidente Salvatore Veneziano.

Le due norme ha poi spiegato sono «destinate a incidere in modo significativo nella circoscrizione del Tar di Napoli.

Il regionalismo differenziato produrrà una crescita del contenzioso amministrativo: “E’ facile prevedere – ha detto – che la differenziazione ‘reale’ o ‘percepita’ che sia, nei livelli quantitativi e qualitativi dei servizi apprestati dalle varie amministrazioni potrà determinare un incremento del contenzioso in un settore del quale la giustizia amministrativa sarà sempre più frequentemente chiamata a occuparsi, quello dei diritti fondamentali dei cittadini”.
Per Veneziano il contenzioso in materia crescerà “sia che la riforma venga accompagnata dalla predeterminazione dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali che devono essere garantiti su tutto il territorio nazionale, sia che tale adempimento non venga contemporaneamente posto in essere”.
Un tribunale che però ha dichiarato avrà raggiunto nel 2018 dei risultati molto incoraggianti e col segno positivo.

Presente alla cerimonia anche il presidente del Consiglio di Stato Filippo Patroni Griffi che sulla possibilità di un aumento dei processi con l’entrata in vigore dell’autonomia differenziata regionale. A benedire i lavori del tribunale sua eminenza il cardinale Crescenzio Sepe.