Sono numeri oramai stabili e confortanti quelli che vengono forntiti da almeno una settimana dall’Unità di Crisi della Regione Campania. Alle 22 di ieri sera erano 45 i casi registrati nella nostra regione con un numero totale positivi di 4.074 su un numero complessivo tamponi di 51.090. In 24 ore 4 nuove vittime e ben 60 guariti. Un bilancio che fa ben sperare per l’avvio della Fase 2 tanto attesa da cittadini e tessuto economico regionale.

Ieri ennesima domenica virtuosa da parte dei cittadini, strade totalmente vuote. Ecco come si presentava Napoli deserta alle ore 12. Anche sul lungomare nessun passaggio di persone e auto nonostante la bella giornata. Stesso discorso per Pozzuoli. L’aumento dei positivi nelle ultime ore, ieri altri tre casi che portano i positivi a 77, ha ancora di più responsabilizzato la cittadinanza a restare a casa. Ieri Nuova vittima al Santa Maria delle grazie. A perdere la vita un anziano. Anche al San Leonardo di Castellammare ci sono stati nuovi contagi: in particolare al reparto di Medicina d’urgenza, dimezzato dal Covid, è giunto personale in supporto dalle altre unità, difatti su 16 infermieri 12 risultano in malattia perchè positivi al Covid-19.

«Qualcosa certamente non ha funzionato», ha dichiarato il neo direttore sanitario Rosalba Santarpia. Ancora zero contagi nelle ultime 24 ore invece a Caserta su 397 tamponi eseguiti. Proseguono i controlli serrati sul comune di Acerra da parte della polizia municipale dopo gli ultimi contagi di venerdì e sabato. Perlustrate tutte le strade del comune per evitare assembramenti. Aumentano le zone rosse che da ieri vedono anche Saviano dopo Lauro, Ariano Irpino e Paolisi. Per quest’ultimo territorio la Regione ha prorogato la chiusura fino al prossimo 21 aprile.