Crollo del cimitero di Poggioreale, ci sono 20 indagati

La Procura invia avvisi di garanzia e chiede una superperizia

0
202

Sono 20 le persone indagate, tra queste anche l’ex presidente del Cda della Metropolitana di Napoli Spa Ennio Cascetta, che hanno ricevuto un avviso di garanzia nell’ambito dell’indagine sul crollo di parte del cimitero di Poggioreale avvenuto il 5 gennaio scorso. Ricorderete lo scenario infernale che si parò dinnanzi agli occhi delle prime persone che giunsero sul posto, con bare scoperchiate e cadaveri che giacevano tra le macerie. E che per mesi non hanno potuto ritrovare la pace di una sepoltura, proprio a causa delle indagini e del pericolo di ulteriori crolli.

CROLLO O DISASTRO COLPOSO?

Cosa ha provocato il Crollo (o disastro) colposo? Questa l’accusa intorno alla quale si muove il pool della Procura di Napoli, guidato dal procuratore aggiunto Simona Di Monte, con i pm Federica D’Amodio e Giuseppe Tittaferrante. I magistrati hanno affidato anche una superperizia a due consulenti per verificare a andare a fondo rispetto ai progetti, ai lavori e agli appalti, nonché ai successivi collaudi, di un’opera mastodontica, ovvero la realizzazione del tratto e della stazione Poggioreale della Metropolitana, che dovrebbe congiungere la stazione centrale di Napoli con l’Aeroporto di Capodichino. La mossa della Procura, ovvero la decisione di inviare avvisi di garanzia, è a tutela degli indagati, che qualora si dovesse arrivare a processo avrebbero tutto l’interesse di difendersi.

CHIESTA UNA SUPERPERIZIA

Intanto proseguono tutti i rilievi e gli approfondimenti, che riguardano tra le altre cose i materiali utilizzati, ma anche tute le corrispondenze di progetti e realizzazione delle opere. Particolare attenzione anche agli appalti e agli eventuali subappalti, alla qualità delle ditte coinvolte e alla loro capacità di offrire un servizio all’altezza dell’opera. Dunque, sette mesi dopo il nefasto crollo, c’è la prima svolta nelle indagini. Oltre a Cascetta risultano indagati progettisti, tecnici, manager e funzionari.