Gli appuntamenti da non perdere nel week end dal 27 al 29 dicembre 2019

0
729
Giuliana De Sio
Giuliana de Sio
GIULIANA DE SIO, “IRPINIA MADRE CONTEMPORANEA”
UN OMAGGIO A EDUARDO E BASILE

Giuliana De Sio sarà protagonista del secondo appuntamento di “Irpinia Madre Contemporanea”, originale festival artistico e culturale ideato e organizzato da Antonia De Mita, per riscoprire la bellezza dei borghi dell’Alta Irpinia e valorizzare le risorse di un territorio ricco di storia e tradizione.  De Sio renderà omaggio alle favole di Giambattista Basile – governatore di Avellino dal 1619 al 1621 – e alla poesia di Eduardo De Filippo.
Il festival, che proseguirà fino al prossimo giugno 2020 ospitando, tra gli altri, il recital di Massimiliano Gallo (tra i protagonisti del “Pinocchio” di Matteo Garrone) e l’omaggio a Carlo Gesualdo dell’ensemble diretto da Marco Berrini, presenta un programma integrato di iniziative e percorsi di qualità tra arte, cinema, musica, teatro e letteratura. Un itinerario culturale che punta a riscoprire e valorizzare l’Irpinia dei borghi, dei castelli e del vino con le tre DOCG (Greco di Tufo, Fiano di Avellino e Taurasi), promuovendo le risorse locali attraverso visite guidate, spettacoli, happening e incontri ad ingresso gratuito.
Chiesa Maria Santissima del Carmine
Sabato 28 dicembre: ore 20.30
Informazioni: www.irpiniamadrecontemporanea.it

Marco Messina e Sacha Ricci
CAPRI ART AWARD A MESSINA E  RICCI
PER COLONNA SONORA DI MARTIN EDEN

Un nuovo, prezioso, riconoscimento a Martin Eden diretto da Pietro Marcello. I compositori Marco Messina e Sacha Ricci, autori della colonna sonora del film ispirato al romanzo di Jack London, il 27 dicembre riceveranno il Capri Art Award al festival “Capri, Hollywood” di Pascal Vicedomini. L’album che raccoglie le musiche originali è disponibile sulle piattaforme digitali: da Apple a Amazon a Spotify. Una costellazione di cellule elettroniche – psichedeliche, dark, carillon, drammatiche – per riassumere una storia che equivale a una intima apocalisse.
Storici esponenti dell’altrettanto storico combo 99Posse, Messina | Ricci condividono da anni, oramai, la scrittura di musiche originali per il cinema e per il teatro. Colonne sonore spericolate, sinuose, romantiche e sorprendenti, che raccontano – come in uno specchio – le storie e le trame all’interno delle quali agiscono i loro personaggi.
Capri
Venerdì 27 dicembre: ore 20.30

Peppe Barra (Ph. Fiorella Passante)
ULTIMO WEEK END PER LA CANTATA DEI PASTORI DI PEPPE BARRA AL POLITEAMA

Ultime tre repliche per La Cantata dei Pastori – Una luce nella notte di e con Peppe Barra, liberamente ispirata all’opera teatrale sacra di Andrea Perrucci. Testo di teatro gesuitico, scritto espressamente per contrastare la ‘diabolica’ Commedia dell’Arte, “La Cantata dei Pastori” è, tra versi arcadici e lazzi scurrili, tra lingua colta e dialetto, tra sentimento cattolico e rito pagano, una storia che racconta le traversie di Giuseppe e Maria per giungere al censimento di Betlemme e gli ostacoli che la santa coppia dovrà superare prima di trovare rifugio nella grotta della Natività. Nel difficile viaggio vengono accompagnati da due figure popolari napoletane: Razzullo, scrivano assoldato per il censimento, e Sarchiapone, barbiere pazzo in fuga per omicidio.  Lo spettacolo cambia ogni stagione, pur mantenendo la sua struttura drammaturgica che affonda le radici tra prosa classica e teatro popolare. In questa edizione le novità riguardano anche le musiche, del M° Carmelo Columbro, eseguite da un ensemble di undici orchestrali diretti dal Maestro Giorgio Mellone. Peppe Barra (Razzullo) è protagonista, autore e regista dello spettacolo. Con lui in scena Rosalia Porcaro (Sarchiapone). Con Patrizio Trampetti (Cidonio/Diavolo Oste), Maria Letizia Gorga (Zingara/Gabriello), Francesco Iaia (Demonio), Enrico Vicinanza (Ruscellio), Francesco Viglietti (Armenzio), Chiara Di Girolamo (Maria Vergine), Andrea Carotenuto (Giuseppe), Ciro Di Matteo (Diavolo mangiafuoco) e Giuseppe De Rosa (Benino).  Le musiche sono del Maestro Carmelo Columbro, la “Canzone di Razzullo” è del Maestro Roberto De Simone. L’orchestra è diretta dal Maestro Giorgio Mellone. Scene di Tonino di Ronza, costumi di Annalisa Giacci, coreografie di Erminia Sticchi. Media partner Radio Antenna Uno.
Teatro Politeama
Via Monte di Dio 80
Da venerdì a domenica
Informazioni: 0817645001 oppure 081414243

LA CANTATA DEI PASTORI DI CARLO FAIELLO AL CENTRO DOMUS ARS

Appuntamento con La Cantata dei Pastori nella forma di “concerto” così come concepita da Carlo Faiello e prodotta da Il Canto di Virgilio. La celebre opera di Andrea Perrucci, quest’anno, fa parte della rassegna teatrale “I Giorni Delle Calende” che si svolge alla Domus Ars dal 12 al 30 dicembre 2019 con il contributo della Città Metropolitana di Napoli e che vede in scena spettacoli e pièce teatrali di genere diverso, dal classico al contemporaneo. Una miscela tra tradizione e innovazione, questa è la Cantata di Carlo Faiello che sceglie le composizioni più interessanti e rappresentative relative al periodo natalizio: dalle pastorali di Sant’Alfonso Maria de’ Liguori alle più famose melodie di Roberto De Simone, dall’archivio sonoro di estrazione orale ai brani di Carlo Faiello stesso. Protagonista dello spettacolo è Giovanni Mauriello, già fondatore della Nuova Compagnia di Canto Popolare e prezioso custode della celeberrima versione degli anni Settanta. Sulla scena anche le cantanti/attrici Marianita Carfora ed Elisabetta D’Acunzo con la partecipazione del figlio d’arte Matteo Mauriello e del giovane Armando Arangione nei panni di Benino. Le parti musicali, elaborate da Carlo Faiello, saranno affidate all’Ensemble Santa Chiara Orchestra composta da: Gerardo Buonocore alla fisarmonica Sasà Brancaccio al contrabbasso, Gianluca Mercurio alle percussioni, Pasquale Nocerino al violino e Edo Puccini alla chitarra. Scene e costumi a cura di Bruno De Luca. Arrangiamenti e direzione musicale di Carlo Faiello.
Centro di Cultura Domus Ars
Via Santa Chiara 10
Fino al 30 dicembre 2019: ore 20.30 

MUSEO E REAL BOSCO DI CAPODIMONTE
CONCERTO DI NATALE & POKER DI MOSTRE

Un fine anno all’insegna dell’arte al Museo e Real Bosco di Capodimonte. . Un’occasione imperdibile per vedere le quattro mostre in corso: Napoli Napoli. Di lava, porcellana e musica (fino al 21 giugno 2020) un viaggio musicale nella Napoli del Settecento nelle 19 sale dell’Appartamento Reale, Santiago Calatrava. Nella luce di Napoli (fino al 10 maggio 2020) un’esposizione completa sui 40 anni di carriera del grande architetto spagnolo, dalle maquette architettoniche ai disegni, dalle sculture alle opere in ceramica, Canova. Un restauro in mostra (fino al 12 gennaio 2020) e Whisper only to you dell’artista coreana Yeesookyung (fino al 13 gennaio 2020), porcellana di oggi a confronto con quelle della Manifattura storica fondata da Carlo di Borbone nel 1743. Da non perdere anche il nuovo allestimento del corridoio barocco e del ‘700 che sottolinea la curiosità del XVIII secolo, i gusti del re e la modernità di Napoli, grande capitale dell’Illuminismo europeo. Nel Cortile Monumentale la speciale videoinstallazione realizzata da Stefano Gargiulo (Kaos Produzioni), autore anche dell’installazione poetica nella sala della Culla, ultima del percorso espositivo della mostra Napoli Napoli visibile fino al 15 gennaio 2020. Al primo piano (sala 12) Concerto di Natale. Dal clavicembalo al pianoforte a cura dell’associazione MusiCapodimonte con il l Maestro Rosario Ruggiero. Musiche di D. Scarlatti, L.v.Beethoven, F Chopin, F. Mendelsshon, J. Brahms. Concerto incluso nel biglietto del Museo.
Museo e Real Bosco di Capodimonte
Via Miano, 2
Venerdì 27 dicembre, dalle ore 19.30 alle ore 22.30
(chiusura biglietteria alle ore 21.30)
Concerto di Natale
Domenica 29 dicembre: ore 17.30

NAPOLI GENIALE: FOTOGRAFIE DI DEQUICK NEGLI SPAZI DI YELLOWKORNER

Napoli Geniale è il titolo della personale di Laurent Dequick che inaugura venerdì 20 dicembre presso gli spazi espositivi di YellowKorner, la galleria dedicata alla fotografia d’autore. Un omaggio a Napoli, vista con l’obiettivo di un grande fotografo internazionale. Scatti delle prime ore del mattino o della sera, quando la luce è soffusa, intima, “silenziosa” e lascia parlare le architetture, la natura, la monumentalità della città e di aree limitrofe che fanno parte del suo immaginario: Nisida, Pompei, Capri. Una Napoli Geniale, mai cartolina, ma sempre più protagonista del panorama culturale internazionale. Una città potente, vitale, orgogliosa e con un genius loci unico al mondo. Dequick resta ammaliato da Napoli, dalle sue geometrie naturali e architettoniche, dal magnetismo delle rocce di Capri, dalla possenza delle mura di Pompei e restituisce in fotografia tutto quello che vede in modo nitido, chiaro, cristallino.
Una mostra che ci offre un’immagine pulita di Napoli e non solo: l’obiettivo di Dequick ha immortalato la basilica di Pompei, i Faraglioni di Capri, cale e scorci anche più insoliti dell’isola, come Matermania , luoghi silenziosi dove la natura e la storia sono assolute protagoniste.
YellowKorner
Largo Vasto a Chiaia 81
Fino al 21 gennaio

TOMBOLA SPETTACOLO AL COMPLESSO
MONUMENTALE DON ORIONE

Un’imperdibile e divertentissima versione dell’antica Tombola Napoletana. La tombolata più esilarante di Napoli,  condotta da Alan de Luca e ideata dal gruppo musicale i SuoniLavici, che faranno divertire i partecipanti con una spettacolarizzazione della tombola! I SuoniLavici propongono un repertorio di musica napoletana che viaggia all’interno dell’antica canzone popolare (tammurriata), Villanelle, canzone d’autore dell’800, la Napoli degli anni 40/50 e Canti di Natale (tratti dalla cantata dei Pastori). La “commara Brunella”, con il suo fare popolare e un po’ scostumato chiamerà i numeri della tombola. Gli Artisti daranno vita a storie improvvisate usando i numeri tirati fuori dal fortunato “panaro”, sfruttando non solo le combinazioni volute dal caso, ma anche le suggestioni del pubblico. Risate, equivoci, ironia e episodi surreali, saranno le parole chiave di uno spettacolo che vi condurrà in viaggio tutto partenopeo.
Complesso monumentale Don Orione
Via Donnalbina 14

Sabato 28 dicembre: appuntamento –  ore 20.30; inizio spettacolo: ore 21
Posti limitati. Prenotazione obbligatoria: 3496479141 (dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 17); 3341119819 (dal lunedì al venerdì dalle 17 alle 21.30; sabato e domenica)

JOAN MIRÓ. IL LINGUAGGIO DEI SEGNI
CONTINUA SUCCESSO AL PAN 

Il mondo fantastico, onirico, febbrilmente creativo di Joan Miró in mostra al PAN Palazzo delle Arti Napoli. Un’esposizione straordinaria, promossa dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli e organizzata dalla Fondazione Serralves di Porto con C.O.R. Creare Organizzare Realizzare, A cura di Robert Lubar Messeri, professore di storia dell’arte all’Institute of Fine Arts della New York University, e sotto la preziosa guida di Francesca Villanti, direttore scientifico C.O.R., il percorso espositivo riunisce ben ottanta opere tra quadri, disegni, sculture, collage e arazzi, tutte provenienti dalla straordinaria collezione di proprietà dello Stato portoghese in deposito alla Fondazione Serralves di Porto. Le opere esposte coprono il lungo arco della produzione artistica di Miró, dal 1927 al 1981, dando a cittadini e turisti la grande opportunità di ammirare una collezione davvero unica al mondo.
PAN Palazzo delle Arti Napoli
Via dei Mille 60
Fino al 23 febbraio
Tutti i giorni dalle 9.30 alle 19.30
Info e prenotazioni: 3341324281 oppure 0817958601
info@mostramironapoli.it

NAPOLI JAZZ WINTER CHIUDE CON FLOWIN’ GOSPEL CHOIR

I Flowin’ Gospel amano definirsi “worship band” perchè il loro progetto ha come obiettivo quello di raccontare la storia della musica gospel e portarne il messaggio nel mondo, lasciandolo “fluire” appunto attraverso la musica. Il gruppo ha vinto, nel 2014, il premio “Best Concert of the year” per la realizzazione del concerto “GO…GOSPEL” al Teatro Cilea di Napoli. I Flowin’ Gospel inoltre hanno partecipato ad eventi e manifestazioni di rilievo come il “Concerto dell’Epifania” su RAI1, il Napoli Gospel Festival nel 2015 e 2016 e nel 2017 con Junior Robinson al Sorrento Jazz Festival nel 2015 e nel 2016, Spiritual Theatre. Il gruppo è composto da dodici voci e tre musicisti guidati da Rita Ciccarelli, cantante gospel, insegnante di canto, coordinatrice di laboratori espressivo-sonori, con un’esperienza decennale in ambito corale come corista, solista e direttore in diversi cori gospel. Appassionata di storia del gospel, Rita è stata vincitrice nelle categorie Best New Artist 2013, Best Female Vocalist 2014 E 2015 E Best Act Live Performance 2014 E 2015 per i Gospel Music Awards Of Italy, con all’attivo un album autoprodotto dal titolo “I Want To Be So Grateful”. Da più di 10 anni si dedica alla gospel music con amore e studio approfondendo il genere con artisti gospel affermati in campo internazionale, come Richard Smallwood, Ron Ixaac Hubbard, Trini Lopez Massie, Bazil Made e tanti altri. Junior Robinson è uno dei più acclamati gospel singer del Regno Unito. Inizia a cantare in chiesa all’età di 4 anni con il fratello e da allora non si è più fermato. Numerose le sue apparizioni in programmi TV e radio e importante la sua parte nei musical “WEST END” e “MAMA, I WANT TO SING”, in cui avevano un ruolo anche famose star pop e gospel come Chaka Khan, Denise Williams e Mica Paris. Qualche anno fa, Junior è stato il vincitore del “Gospel Award” come “Migliore cantante dell’anno”.
Teatro Summarte
Via Roma, 15 – Somma Vesuviana
Domenica 29 dicembre: ore 19.30
Info e prenotazioni: 0813629579 – 3935667597