Una coppia di Qualiano è morta nel sonno dopo un incendio che si è sviluppato nella sua cucina e a causa delle esalazioni di monossido di carbonio di una stufa.

Marito e moglie non si sono accorti di nulla. Salvi i figli, due bambini di dieci e tredici di anni, che avevano dormito a casa dei nonni e di un’amichetta.

Nessun rumore nella notte, una morte silenziosa che è stata scoperta soltanto molte ore dopo, quando il padre della donna, preoccupato perchè la figlia non si era fatta viva, è andato a casa a cercarla.

Quando è entrato nell’appartamento la tragica scoperta: marito e moglie erano stesi a letto, uno accanto all’altro senza vita.
Il fatto è avvenuto in una palazzina di via Palizzi, zona conosciuta come ponte di Sorrento di Qualiano.

La dinamica deve essere ancora ricostruita con esattezza dai carabinieri. Ma dalla scena che i vigili del fuoco si sono trovati davanti sembrerebbe che i due coniugi, Domenico Ciancio, quarantenne operaio e Rosaria Carandente 37 anni casalinga, non si siano accorti di niente e siano morti nel sonno, appunto uccisi dalle esalazioni probabilmente di una stufa.