Una donazione all’insegna dell’anonimato quella che ha visti protagonista una donna e il centro di emodialisi della Seconda Università di Napoli.