IMMAGINI DI ANTONIO COSCIONE

Sono 6 le mamme detenute con 8 bambini attualmente ospiti dell’Istituto di custodia attenuata di Lauro, in provincia di Avellino. Una realtà sperimentale del Ministero della Giustizia, in cui non ci sono celle ma piccoli bilocali, con angolo cottura, bagno, camere da letto e tv. Dove i corridoi colorati collegano le aree comuni e gli operatori della polizia penitenziaria non vestono la divisa, come spiega il direttore Paolo Pastena
(Intervista nel file video allegato)
Il garante per i detenuti della Campania, Samuele Ciambriello, ha compiuto una visita nella struttura, incontrando il direttore e gli operatori.
(Intervista nel file video allegato)
Ci sono i laboratori e la sala computer, utilizzati per corsi scolastici e di formazione delle madri, durante le ore di scuola dei bambini, che vengono prelevati con lo scuolabus comunale. L’assessore all’istruzione di Lauro, Florinda Siniscalchi.
(Intervista nel file video allegato)
Il commissario coordinatore ella Polizia di Stato, Tiziana Perillo, conferma la caratteristica sperimentale del centro.
(Intervista nel file video allegato)