Siamo oramai ai titoli di coda della amministrazione de Magistris. Saltata anche oggi la seduta del consiglio comunale per mancanza del numero legale.

L’assise era tornata in aula per votare il bilancio di previsione 2020-2022. Ma come due giorni fa anche oggi il sindaco non aveva i numeri necessari per approvare il documento. Tutti a casa in attesa della seconda convocazione della seduta del Consiglio è prevista per lunedì 16 novembre alle ore 10, sempre al Maschio Angioino.

In tale occasione, come sancito dal Testo Unico degli Enti Locali, sarà sufficiente, per il raggiungimento del numero legale che dà validità alla seduta, la presenza di un terzo dei consiglieri comunali escluso il Sindaco. Nel caso del Consiglio Comunale di Napoli, il numero minimo dovrà essere di 14 consiglieri (più il Sindaco). L’opposizione a seduta chiusa ha dichiarato che il primo cittadino oramai con l’acqua alla gola dovrebbe avere il senso istituzionale di dimettersi.

All’esterno protesta degli Lsu contro l’opposizione in consiglio…per loro il bilancio va votato per garantire la stabilizzazione di cittadini che da 26 anni lavorano a nero senza poter rivendicare diritti e anzianità di servizio.